domenica 28 agosto 2011

In my mailbox #12.

Ciao a tutti!

So che oggi è domenica e avremmo dovuto postare la rubrica ieri, ma abbiamo avuto problemi e contrattempi vari.
Ora però parliamo della rubrica di oggi, "In my mailbox".

"In my mailbox" è una rubrica ideata da Kristi, amministratrice del bellissimo blog The Story Siren. Questa rubrica avrà luogo ogni sabato e vi parleremo, di volta in volta, dei libri che abbiamo ricevuto in dono da autori, case editrici, amici, parenti e quelli che abbiamo acquistato.


Io, Giav, ho appena finito di leggere La ragazza di fuoco (meraviglioso!) e sto leggendo ancora City of fallen angels, perciò i miei acquisti in questi giorni sono stati solo scolastici, visto che il mio amatissimo professore di latino e greco mi ha sobbarcato di letture (ben 10 libri più le versioni! e i compiti delle altre materie!) Ho preso:

Lucio, protagonista e narratore, in Tessaglia per affari, abita a casa di Milone e di sua moglie Panfile, ritenuta una maga. Procuratosi un unguento magico che sapeva aver trasformato Panfile in uccello, Lucio si trasforma però in asino. Dei ladri saccheggiano la casa di Milone e caricano l'asino Lucio del bottino. Giunto poi alla caverna dei briganti, Lucio ascolta la favola di Amore e Psiche, narrata da una vecchia a una fanciulla rapita. Sconfitti i briganti dal fidanzato della ragazza, Lucio passa di padrone in padrone, subendo ogni tipo di tormento, finché non si addormenta sulla spiaggia di Cencree. In sogno gli appare la dea Iside che gli indica la strada per riprendere la forma umana.




Poema epico in quattro libri composto da circa seimila esametri, le "Argonautiche" raccontano l'antichissimo mito di Giasone e dei suoi conpagni che, alla ricerca del vello d'oro solcarono per primi il mare da Iolco alla Colchide, per tornare poi, dopo innumerevoli peripezie, in Grecia. La trama concede all'autore ampio spazio da un lato per riallacciarsi deliberatamente al modello omerico, rivisitato alla luce dei principi della "Poetica" aristotelica, dall'altro per mettere a frutto la sua sterminanta cultura in campo mitologico, geografico, etnologico e onomastico secondo il gusto alessandrino per il dettaglio erudito, i riferimenti letterari e le digressioni eziologiche.



"Pochi autori hanno conosciuto, nel corso della tradizione storica, periodi di fama incontrastata e quasi mitica come il Plutarco delle ""Vite parallele"": l'ultimo forse degli scrittori antichi in cui, fra Settecento e Ottocento, si riconobbe lo spirito di un'Europa ancora culturalmente unitaria. Al modello esemplare degli eroi plutarchiani guardarono ammirati Federico di Prussia e Washington, Robespierre e Napoleone; e si sa quale fremente emozione suscitò nell'Alfieri la lettura delle biografie. Più tardi, il positivismo scientistico sancì il declino dello scittore, riducendolo al ruolo di uno storico impreciso e contestabile. Ma storico Plutarco non fu né volle essere. Al centro della sua narrazione egli non pone mai la situazione o gli eventi, che pur evoca con tratti vivaci, ma l'uomo, con la sua personalità e la sua morale, le sue speranze, emozioni, passioni. E a rendere l'essenza dell'uomo gli sembra più efficace ""un breve episodio, una parola, un motto... che non battaglie con migliaia di morti, grandi schieramenti di eserciti, assedi di città"". L'arte di Plutarco sta nell'atmosfera di umana grandezza, nel senso di un destino che si delinea attraverso le scelte imposte dal carattere e dalle ambizioni personali, ma anche dall'incidenza misteriosa del fato: un mondo di prepotente vitalità, di tensione, di dramma, alla cui suggestione è difficile sottrarsi. I curatori di questo volume sono Domenico Magnino e Antonio La Penna, il cui discorso ha l'articolazione e la profondità di un vero e proprio saggio. Testo greco a fronte."



Ora è il mio turno, quindi ora vediamo cosa io, Charlie, ho acquistato/ricevuto questa settimana. Ho acquistato tre libri, mentre gli altri 8 (uno dei quali avevo già) li ho ricevuti in omaggio dalla Harmony, praticamente li ho vinti, per prima cosa parlerò proprio di questi. Siccome i libri di cui devo parlarvi sono tanti, vi metterò solo le copertine e, cliccandoci sopra, troverete le varie trame.







Acquisti






Per questa puntata è tutto. Voi che libri avete trovato nella vostra cassetta delle lettere?
Fateci sapere!

2 commenti:

  1. Ciao!che bel blog che avete!cavolo quanti libri harmony hai ricevuto, pensa che io non ne ho mai letto uno.. se dovessi iniziare cosa consiglieresti? non ho ricevuto nulla..sigh..però spero di provvedere al più presto!!un saluto!!!

    RispondiElimina
  2. Ciao Saya! Grazie per il complimento. Diciamo che non li ho proprio ricevuti, li ho quasi vinti. Se vai in edicola e compri un libro Harmony, fra le ultime pagine ce n'è una da staccare e compilare con i tuoi dati e, se lo invii, vinci altri libri Harmony (2 o 4).

    RispondiElimina

Ciao! Se ti va di lasciare un commento, mi farebbe molto piacere :)