mercoledì 3 agosto 2011

Recensione: Proibito.

Buongiorno a tutti!
La nuova blogger (per ora in prova) di "Who is Charlie?" ha già pronta un'altra recensione; quando si dice divorare i libri! 


Titolo: Proibito.
Autore: Tabitha Suzuma
Editore: Mondadori
Pagine: 360
Prezzo: 16.00 €



Lochan e Maya sono fratello e sorella. Lui ha 18 anni, è chiuso e solitario; lei ne ha 16, è sensibile e molto più matura di quello che la sua età richiederebbe. La loro ragione di vita, la loro preoccupazione più grande, è prendersi cura dei tre fratellini minori, allo sbando da quando il padre li ha lasciati e la madre si è abbandonata all'alcool. Sempre insieme, sempre vicini, sempre più complici. Un legame che rischia di trasformarsi in un dolce sentimento e una fatale attrazione.

RECENSIONE

"Ogni tipo di amore. Francie non è mica stupida. Eppure, l'unico amore che non sarà mai lecito, non le è neanche venuto in mente. Un amore talmente disgustoso e proibito, da non essere neppure contemplato in una conversazione sugli amori impossibili"

L'amore è un fiore senza stagione, che può sbocciare ovunque, sul ciglio di una strada trafficata, sulla cima di una montagna ghiacciata, o sulla punta estrema di un'aspra scogliera.
L'amore di Maya e Lochan è un fiore più raro che compreso e apprezzato, un fiore che va subito estirpato perché malato, deforme, orribile scherzo della natura: due boccioli cresciuti su uno stesso stelo, che si scambiano energia e linfa vitale sorreggendosi a vicenda. Solo loro possono comprendere la loro situazione, i passanti li additano in un misto di malsana curiosità e conformistico ribrezzo. Nessuno può comprendere la frustrazione che si prova a vivere così vicini, ad amarsi così profondamente, ma a non potere esprimere alla luce del sole i propri sentimenti proprio a causa del loro essere nati, miglior dono e peggior condanna, come fratelli.

Maya, sedici anni, fragile e sensibile, è molto più matura di quanto dovrebbe a causa della difficile situazione familiare che cerca di salvare insieme al fratello Lochan, quasi diciottenne, che non riesce assolutamente a relazionarsi con gli estranei e trova in lei l'unica possibile confidente.
I due si caricano sulle spalle il peso i tre fratellini minori ormai da cinque anni, da quando il padre "poeta" li ha abbandonati per costruirsi una nuova famiglia e la madre, sposatasi solo per riparare a una gravidanza inattesa e non voluta, ha iniziato a ubriacarsi regolarmente e a uscire sempre più spesso con qualunque uomo le compri regali e la faccia sentire ancora la ragazza giovane e avvenente che non è più ormai da una ventina d'anni.
Il bene dei fratellini è tutto ciò per cui vivono, perciò coprono la madre snaturata temendo che l'intervento dei servizi sociali comporti la loro separazione.
Finchè, giorno dopo giorno, il sentimento che si è sempre nascosto all'interno dei cuori di Maya e Lochan, non riesce a mostrarsi, finalmente senza più paura né vergogna, ma solo ai loro occhi.



"Come può una cosa tanto sbagliata renderti così felice?"

La risposta è semplice: a volte la cosa che sembra la più sbagliata è quella di cui abbiamo più bisogno e può celarsi dietro la sua pregiudicata parvenza l'unica fonte della nostra felicità. Può anche succedere che il peccato più grave ti conduca in paradiso.. Se solo non fossimo così ciechi, così pieni di pregiudizi... potremmo vedere che a volte l'oro non luccica, l'argento può anche ossidarsi e farci apparire il ciondolo più prezioso come uno schifoso e deforme cencio vecchio.



"Vedo la tristezza nei suoi occhi. E mi viene voglia di urlare. E' tutto così ingiusto, tutto così terribilmente ingiusto. - Forse un giorno?- chiede Maya piano, con un sorriso. - Quando saranno cresciuti, potremo fuggire lontano. Ricominciare da capo. Come una vera coppia.. Non più fratello e sorella. Liberi da questi lacci tremendi."

Non è mai stato più vero che per questo libro che prima di giudicare bisogna conoscere. Leggetelo se vi sentite veri lettori, se volete dimostrare di non avere pregiudizi, se vi va di conoscere uno degli amori più intensi e puri che siano stati messi su carta ultimamente.


"-Possiamo amarci- deglutisco con forza, per allentare la stretta alla gola.- Non ci sono leggi per i sentimenti. Siamo liberi di amarci con tutta l'intensità e la profondità che vogliamo. Nessuno, Maya. Nessuno potrà mai portarci via questo."

Voto 9.





Non è bravissima questa nuova blogger? Secondo me sì! Scrive molto bene e le sue recensioni mi piacciono molto, infatti questo libro lo inserisco subito in wish-list! (Charlie)


Giav93.

1 commento:

  1. oooooooooooh grazie charlie, sono commossa *_______________* è davvero bellissimo questo libro, è tutta colpa della scrittrice che mi ha ispirato ù.ù

    RispondiElimina

Ciao! Se ti va di lasciare un commento, mi farebbe molto piacere :)