sabato 20 agosto 2011

Rubrica XXO #3.

Ciao a tutti!
E' da giorni che ho una voglia matta di musica, quindi sabato ho realizzato questo post con immenso piacere, ma sono riuscita a postarlo solo adesso. Vi parlo di Euterphe XXO, rubrica settimanale ideata da Lady Earnshaw, amministratrice del blog The Hungry Wolf, che vale la pena di visitare.



Non sapete di che si tratta? Ve lo spiego io in due parole, o qualcosina in più. Consiste semplicemente nell'associare una canzone a un libro, a patto che ne riprenda le tematiche fondamentali o che abbia qualcosa in comune con il libro in questione.

Il libro che ho scelto è:
"Hunger Games" di Suzanne Collins

Titolo: Hunger Games. I giochi della fame
Autore: Suzanne Collins
Serie: The Hunger Games, 1
Edito da: Mondadori
Prezzo: 17,00 €
Genere: Fantascienza, Young/Adult, Fantasy
Pagine: 369 p.

Peeta e Katniss vengono catapultati all'improvviso in un mondo spaventoso e spietato, privo di certezze, in cui amore, amicizia, pietà ed ogni altro sentimento umano vogliono dire debolezza, e ogni esitazione può costarti la morte. L'unica regola è: uccidi o muori. E' l'arena degli Hunger Games.
Loro non sanno fino a quando e se riusciranno a sopravvivere, ogni alba potrebbe essere l'ultima per i loro giovanissimi occhi. Niente è stabile, tutto può cambiare da un momento all'altro solo per rendere loro ancora più difficile rimanere in vita. E combattere. Perché se non saranno loro a uccidere verranno uccisi o vedranno uccidere inevitabilmente gli altri, magari quelli a cui si erano stupidamente affezionati.
Ma alla settantaquattresima edizione c' è ancora chi ha degli ideali, chi prova sentimenti, chi ha pietà, chi ama, chi non uccide per ottenere fama e gloria, ma perché deve difendere la propria vita e non solo. C'è ancora chi si rende conto che è un gioco sbagliato, come quello dei gladiatori al Colosseo.
E in una terra cosparsa del sale della violenza e innaffiata di sangue, può sopravvivere il fiore dell'amore?
Possono due gladiatori della stessa arena allearsi fino alla fine?
Lo scoprirete leggendo Hunger Games e magari ascoltando come sottofondo "In my veins" di Andrew Belle (scusate ma non riesco a caricare il video). Credo esprima molto bene i sentimenti di Peeta nei confronti di Katniss all'interno dell'arena. Che ne dite? Adoro la loro storia! Ecco il testo:


Nothin goes as planned.
Everything will break.
People say goodbye.

In their own special way.
All that you rely on
And all that you can fake
Will leave you in the morning
But find you in the day

Oh you're in my veins
And I cannot get you out
Oh you're all I taste
At night inside of my mouth
Oh you run away
Cause I am not what you found
Oh you're in my veins
And I cannot get you out.

Everything will change.
Nothin stays the same.
And nobody here's perfect.
Oh but everyones to blame
All that you rely on
And all that you can save
Will leave you in the morning
And find you in the day

Oh you're in my veins
And I cannot get you out
Oh you're all I taste
At night inside of my mouth
Oh you run away
Cause I am not what you found
Oh you're in my veins
And I cannot get you out.

No I cannot get you out.
No I cannot get you.

Everything is dark.
It's more than you can take.
But you catch a glimpse of sun light.
Shinin, down on your face.

Oh you're in my veins
And I cannot get you out
Oh you're all I taste
At night inside of my mouth
Oh you run away
Cause I am not what you found
Oh you're in my veins
And I cannot get you out



Giav



Nessun commento:

Posta un commento

Ciao! Se ti va di lasciare un commento, mi farebbe molto piacere :)