martedì 23 agosto 2011

Teaser Tuesdays #6.



Salve a tutti!
Ogni martedì in questo blog avrà luogo una rubrica proveniente dal blog d'oltreoceano Should Be Reading. E' un gioco davvero bello e può ispirarvi a leggere nuovi libri. La rubrica consiste nei seguenti punti:



  • Prendi il libro che stai leggendo
  • Aprilo a una pagina a caso
  • Condividi un breve spezzone di quella pagina ("Teaser")
  • Fai attenzione a non scrivere spoilers!
  • Riporta anche il titolo e l'autore così che i tuoi lettori possano aggiungere il libro alla loro wishlist se sono rimasti colpiti dall'estratto.

Questa settimana il mio teaser è tratto da "La ragazza di fuoco" di Suzanne Collins:

—Peeta, com'è che non capisco mai quando tu hai un incubo? — chiedo.
—Non lo so. Non credo di urlare o di agitarmi o roba simile. Mi sveglio soltanto, paralizzato dalla paura.
—Dovresti svegliarmi — dico, pensando che in una brutta nottata posso interrompere il suo sonno anche due o tre volte. E che per calmarmi ci vuole un bel po'.
—Non è necessario. Nei miei incubi di solito ho paura di perdere te — confessa. — E sto bene quando mi accorgo che ci sei.
Ahi. Con che disinvoltura Peeta fa discorsi come questo. È come ricevere un pugno nello stomaco. Lui sta solo rispondendo con sincerità alla mia domanda. Non mi fa pressione perché replichi a tono, perché gli faccia una dichiarazione d'amore. Però mi sento comunque malissimo, come se l'avessi usato in un qualche modo orribile. L'ho fatto? Non lo so. Ma per la prima volta sento che è sbagliato che si trovi qui, nel mio letto. Il che è curioso, visto che ormai siamo ufficialmente fidanzati.
—Sarà peggio quando saremo a casa e tornerò a dormire da solo — dice.


Giav

4 commenti:

  1. Interessante, quasi quasi te lo rubo ;)

    Non so se vale anche per i commenti ma...:

    Quando riuscii a rialzarmi mi precipitai su per la rampa. Vidi una porta di metallo in cima e pregai: "Dio, per favore, fa che sia aperta".
    Roberta raggiunse l'androne in basso e io mi catapultai verso la porta, la colpii nel centro con la mano e sentii che si spalancava.
    Volai lungo disteso sul pavimento mentre Roberta ricaricava l'arma. Mi rotolai a sinistra e richiusi la porta dietro di me un attimo prima che una tempesta di piombo si abbattese sul metallo, rimbalzando come grandine su un tetto di stagno.

    Dennis Lehane, "La casa buia".

    Qwerty minus.

    RispondiElimina
  2. wow, non lo conoscevo questo libro, ma mi informerò! certo che vale, ogni contributo è più che gradito ^^ In ogni caso ti consiglio caldamente questa saga, è veramente intrigante e appassionante **

    RispondiElimina
  3. Lo tengo in considerazione. Purtroppo ho una lista desideri che tende all'infinito e il tempo latita eheh

    RispondiElimina

Ciao! Se ti va di lasciare un commento, mi farebbe molto piacere :)