domenica 11 settembre 2011

Recensione in ANTEPRIMA italiana: "City of Fallen Angels" di Cassandra Clare

Ciao a tutti! Finalmente mi accingo a recensire in anteprima il quarto volume della mia saga preferita, The Mortal Instruments di Cassandra Clare, che ho letto in inglese. Purtroppo sono andata molto a rilento a causa di compiti per le vacanze, altri libri, scuola guida e campeggio.


Titolo: Shadowhunters. Città degli angeli caduti
Autore: Cassandra Clare
Casa editrice: Mondadori
Uscita in Italia: 25 ottobre 2011
Prezzo: € 17.00
Trama:

Amore. Sangue. Tradimento. Vendetta.

La posta in gioco non è mai stata così alta per gli Shadowhunters, guerrieri discendenti dall’angelo Raziel, destinati a combattere i demoni grazie a poteri speciali, nonché a mantenere l’equilibrio tra i Nascosti – lupi mannari, fate, vampiri e stregoni – e tra questi ultimi e gli umani.
La guerra è conclusa e la sedicenne Clary Fray è tornata a casa, a New York, piena di aspettative. Sta seguendo l’addestramento per diventare Shadowhunter a tutti gli effetti e poter usare il suo straordinario potere. Sua madre sta per sposare l’amore della sua vita. Nascosti e Cacciatori sono finalmente in pace. Ma, soprattutto, Clary può dire al mondo che Jace è il suo ragazzo.

Ma nella vita ogni cosa ha un prezzo.



C’è qualcuno che si diverte a uccidere gli Shadowhunters, e ciò causa fra Nascosti e Cacciatori tensioni che potrebbero portare a una seconda, sanguinosa guerra. Simon, il migliore amico di Clary, non può aiutarla. È troppo preso a gestirsi i suoi casini. Sua madre ha scoperto che è un vampiro e l’ha buttato fuori di casa. Ovunque vada trova qualcuno che cerca di tirarlo dalla propria parte – lui e il poter della maledizione che gli sta distruggendo la vita. E come se non bastasse, Simon esce con due ragazze bellissime e pericolose, nessuna delle quali sa dell’altra.
Quando Jace si allontana da lei senza darle spiegazioni, Clary si trova costretta a penetrare nel cuore di un mistero la cui soluzione porta alla luce il suo incubo peggiore: è stata lei, senza volerlo, a mettere in moto una terribile catena di eventi che potrebbe farle perdere tutto ciò che ama. Jace compreso.


Recensione:


"Clearly,'' said Luke, ''something's going on that I don't know about.''
Simon looked over at him. ''Sometimes I think that's the motto of my life."


Nessuno comprende quello che sta succedendo. Misteri arcani o meno strisciano subdolamente dietro ogni angolo e s'insinuano perfino sotto la pelle di alcuni personaggi...

Quando sembra che tutto si sia tranquillizzato, che finalmente la pace regni sovrana, scopriamo che è solo la quiete prima della tempesta.
La guerra si è conclusa, ma ci sono pericoli che nemmeno la morte riesce a eliminare, paure insite così in profondità da non poterle scacciare in nessun modo, dolori sopiti che si risvegliano con una sola parola, un nome.
E chi è riuscito finalmente a crearsi delle certezze, le sentirà crollare come un castello di carta, il pilastro fondante sembra stare cedendo, ad ogni passo si sprofonda più pesanti nella sabbia.

"Sometimes, Clary," he said, "love just isn't enough."

Quando Clary torna a casa da Idris al termine della guerra sembra che tutto finalmente vada per il verso giusto: sua madre sta preparando le nozze con Luke mentre lei si addestra per diventare Shadowhunter insieme a Jace. I due stanno finalmente insieme apertamente, adesso che sanno che non c'è più niente di sbagliato nell'amarsi, ora che non credono più di essere fratelli. Ma allora perchè Madame Dorothea aveva predetto a Jace che si sarebbe innamorato della persona sbagliata? Forse per lo stesso motivo per cui lui diventa sempre più distante e misterioso, pensa Clary temendo lui abbia semplicemente l'intenzione di lasciarla. Ma c'è di più, terribilmente molto di più... C'è qualcosa di diverso in lui, non solo nel suo atteggiamento, ma perfino nel suo sguardo...

"I can’t be with her…And if I can’t be with her, it doesn't really matter to me where I am. I might as well be with you because if she knew I was trying to protect you that might make her happy."
"So you’re trying to make her happy despite the fact that the reason she’s unhappy in the first

place is you…That seems contradictory doesn’t it?"

"Love is a contradiction" said Jace.

Nel frattempo Simon ha una vita molto più movimentata: si divide indeciso fra Isabelle e Maia e molti personaggi potenti e misteriosi cercano di portarlo dalla propria parte per via del Marchio di Caino che porta in fronte. Quella che era la sua salvezza diventa adesso una maledizione vera e propria...

"All that running and getting nowhere, he thought. Story of my life."


A movimentare ancora di più la situazione, come se ce ne fosse bisogno, giungono nuovi personaggi, alcuni affascinanti, altri spaventosi, altri ancora entrambe le cose, e ne ritornano di vecchi. Per di più vengono ritrovati alcuni cadaveri di Shadowhunters e qualcuno, più di uno, tenta di uccidere Simon, di controllare i nostri protagonisti, di creare esseri mostruosi e potenti e di resuscitare i morti...


"Who will be tempted by darkness? Who will fall in love? Who will find their relationship torn apart? Who will betray everything they believed in? LOVE. BLOOD. BETRAYAL. REVENGE."

Questo recita il video trailer americano: non siete nemmeno un po' curiosi?


La prima
domanda era quella di cui temevo maggiormente la risposta, e non avevo tutti i torti, visto come si conclude il libro. Mi mangerò le mani e rimuginerò fino all'uscita di "City of Lost Souls" (In America, l'8 Maggio 2012).

Non vi ho volutamente rivelato molto, visto che meno si sa quando si legge un libro, meglio è, anche se purtroppo io spesso non riesco a resistere e mi strafogo di spoiler, dannata curiosità!
Spero di avervi incuriosito e stimolato abbastanza da avervi convinto a leggere al più presto questo quarto volume, la cui uscita in Italia è prevista per il 25 Ottobre con la Mondadori.

Per chi non avesse ancora letto nulla della Clare, se siete amanti dello urban fantasy o se non lo siete, vi consiglio caldamente di leggerlo, non solo per la trama geniale, sorprendente, mozzafiato e perfettamente studiata, non solo per i personaggi ben caratterizzati, originali e adorabili, non solo per lo stile scorrevole ma intrigante, coinvolgente e stimolante, ma anche per la grande cultura che dimostra la nostra scrittrice nell'infarcire ogni suo libro di citazioni e riferimenti letterari e storici (da Catullo, alla Bibbia, alla letteratura inglese Ottocentesca e molto altro).
Davvero una saga da non perdere, una scrittrice da non ignorare.

"He is bound to you,” said the Queen. “But does he love you?"

Voto: 9,5

Giav





Nessun commento:

Posta un commento

Ciao! Se ti va di lasciare un commento, mi farebbe molto piacere :)