sabato 15 ottobre 2011

"Il domani che verrà": Recensione + #1 Giveaway di Halloween

Salve a tutti!
Proprio in una giornata di scioperi, in cui è importante fare sentire la propria voce, è fondamentale l'apporto di ognuno di noi, mi accingo a recensire "Il domani che verrà".


Titolo: Il domani che verrà
Autore: John Marsden
Editore: Fazi
Collana: Lain
Data di Pubblicazione: Settembre 2011
ISBN: 8876250808
ISBN-13: 9788876250804
Pagine: 250


Australia, contea di Wirrawee. Nella campagna vicino Melbourne la vita scorre lenta e monotona, ma otto ragazzi hanno trovato un modo di sconfiggere la noia che li assale ogni estate: una gita nella natura selvaggia del bush australiano. Macchina, bagagli, tende, provviste, tutto è pronto per una nuova avventura. Hell è la loro destinazione: una radura luminosa e isolata che sarà la loro casa per una settimana, un paradiso chiamato Inferno. Davanti al fuoco a raccontarsi storie, a scambiarsi i primi baci e leggere classici di altri tempi, gli otto ragazzi non sanno che al loro ritorno la vita non sarà più la stessa. Le loro case vuote, i loro animali domestici morti, un’aurea di desolazione che avvolge ogni cosa. L’Australia è stata occupata dalle forze militari, i cittadini sono stati rinchiusi in prigione: tra i detenuti ci sono i loro genitori, i loro fratelli e sorelle. Affrontando paure e indecisioni, gli otto ragazzi decidono di combattere, sapendo di essere i soli nelle cui mani c’è ancora una possibilità di salvezza, di riprendersi il loro domani...

Sullo sfondo di un avveniristico scenario da Terza Guerra Mondiale, i giovani protagonisti esplorano la natura della paura e della violenza e scoprono il coraggio di lottare per il loro futuro.
Da qualche parte, là fuori, Ellie e i suoi amici si stanno nascondendo. Sono sotto shock, terrorizzati, soli. Non hanno armi, solo il loro coraggio. Non possono contare su nessuno, solo su se stessi. Non gli rimane più nulla, solo la loro amicizia. Il loro paese è stato invaso. Le loro famiglie sono state impriogionate. Otto ragazzi sfideranno l’inferno per riconquistare il loro futuro.

L'AUTORE:
John Marsden è nato in Australia nel 1950. I suoi romanzi sono stati tradotti in 13 lingue. Vive vicino Melbourne: preside di un liceo locale, si divide tra l’insegnamento e la scrittura.



Film:
Titolo originale
Tomorrow When the war began
Data uscita
04 novembre 2011
Genere
Avventura
Regista
Stuart Beattie
Cast


Rachel Hurd-Wood, Lincoln Lewis, Phoebe Tonkin
SINOSSI
The Tomorrow Series: Il domani che Verrà è la storia di otto amici della scuola superiore di un paese rurale sulla costa, le cui vite sono improvvisamente e violentemente stravolte da una invasione che nessuno aveva previsto. Separati dalle loro famiglie e dagli amici, questi straordinari ragazzi devono imparare a sfuggire ad ostili forze militari, a combattere e a sopravvivere.

The Tomorrow Series: Il Domani che verrà è tratto dal primo dei sette libri della fortunata saga scritta dall’australiano John Marsden, che verrà pubblicato in Italia da Fazi.


BLOG UFFICIALE:
www.thetomorrowseries.it



Recensione:
Protagonisti otto normalissimi ragazzi australiani: c'è chi viene dalla campagna ed è abituato a vivere in fattoria, chi è più raffinato e viene dalla città, ma sono tutti amici. Ellie, coraggiosa, razionale ed intelligente, ci racconta in prima persona la storia che vive insieme alla sua migliore amica Corrie, al complesso e incomprensibile, ma innamorato ragazzo di quest'ultima, Kevin, al suo scapestrato amico d'infanzia Homer, al misterioso e solitario musicista Lee da cui la protagonista è attratta, alla bella, elegante e raffinata Fi, alla forte e buona Robyn, e a Chris, geniale patito dei videogiochi che si aggiungerà a metà del racconto. Questo gruppetto ben amalgamato, si organizza per andare in campeggio ad "Hell", "un paradiso chiamato inferno", una zona isolata e selvaggia, circondata da rupi e spuntoni chiamati "Gradini di Satana". Così difficile da raggiungere che si dice che l'unico che vi sia stato fosse un eremita, nascostovisi dopo aver assassinato moglie e figlio. La sfida non sembra semplice, ma i ragazzi entusiasti accettano la proposta di Ellie, inconsapevoli che questa è una bazzecola in confronto a ciò che dovranno affrontare in seguito.
Il campeggio scorre serenamente, tutti si divertono, anche se Ellie non riesce a scrollarsi di dosso una certa ansia, così non vede l'ora di tornare a casa. Notano alcuni segnali fuori dal comune: centinaia di aerei che volano rapidissimi e a luci spente in piena notte, fuochi lungo la costa. Tutto ciò non fa altro che mettere ancora più in agitazione i più furbi di loro, mentre altri scherzando accennano alla possibilità di una terza guerra mondiale o di un'invasione.
Così, tornati a casa, trovano i loro animali morti e le famiglie assenti, luce e telefono staccati, radio non funzionanti, e soprattutto uno spaventoso silenzio: nessuno gira per le strade, non c'è un'anima viva, come in un deserto. La paura e lo smarrimento li attanagliano. Cos'è successo durante la loro breve assenza?
E' quello che cercheranno di scoprire avvicinandosi cautamente alla città, dove vedranno che tutti i cittadini sono ammassati e imprigionati, sorvegliati da numerosi soldati armati: una potenza straniera e sconosciuta ha invaso l'Australia. Il panico li assale ancora di più dopo la conferma delle loro supposizioni, ma l'incredulità dura ben poco. E' allora che si pone davanti a questi giovani privi di esperienza di guerra il bivio fondamentale: nascondersi o combattere?
Ognuno di loro avrà qualcosa che lo spingerà a non voler rimanere con le mani in mano, dall' affetto per i cari imprigionati, a un carattere più impetuoso ed energico, a un senso di giustizia maggiormente radicato, a una voglia di mettersi in gioco e un disprezzo per l'inattività.
Nella loro diversità, ognuno è fondamentale per la loro sopravvivenza e per la resistenza che decidono di attuare: c'è chi è più intelligente, chi è più carismatico, chi è più fermo e saldo, chi è più buono e coraggioso. Ogni ragazzo è un tassello necessario per l'attuazione dei loro piani: nonostante siano pochi, giovani e inesperti, decidono di organizzarsi una base, "Hell" sarà la loro casa, scelgono di dividersi spesso per andare in nova scoperta o per compiere piani folli e suicidi, superando mille difficoltà.

E' un romanzo che non annoia il lettore, lo tiene sempre sulle spine e lo rende tremendamente curioso di sapere cosa accadrà a questi valorosi guerrieri nel prossimo capitolo. Infatti i ragazzi hanno comportamenti e pensieri coerenti con la loro età, l'adolescenza, in cui si crede di poter cambiare il mondo, ma in quanto giovani e inesperienti, il lettore non ha mai la certezza che la prossima loro avventura non segni la fine di uno o più di loro. Si è spinti a divorare questo romanzo, breve ma intenso, con uno stile semplice e lineare, perfetto per una storia di avventura e azione, ma non solo.
E' una storia che fa riflettere soprattutto, un ambientazione distopica che potrebbe benissimo avverarsi: nonostante l'odierna società occidentale sia ritenuta più matura e consapevole da questo punto di vista, cosa ci rende impossibile credere che un'invasione "pulita" (come quella del romanzo) non possa avvenire anche qui oggi? In fondo poco più di mezzo secolo fa c'è stato molto di peggio...
E' una storia che ci fa anche riflettere su ciò che si è pronti e si riesce a fare in un momento di necessità, sulla forza, il coraggio e l'intelligenza che sono custoditi in ognuno di noi, più o meno celati, e che a volte solo una situazione disperata può far uscire allo scoperto.
E' un'ipotetica seguita da una speranzosa principale, un SE che disgraziatamente si realizza insieme a una soluzione proposta al problema. E' un messaggio di speranza e di fiducia verso noi giovani, che può essere letto anche in senso lato: il futuro è nelle nostre mani, non lasciamolo scivolare via come granelli di sabbia al vento, ma stringiamolo saldamente e lottiamo per mantenerlo, tentiamo di salvare il domani che verrà.

Voto: 7,5


Giveaway

La Fazi ha generosamente messo a disposizione una copia del romanzo per voi followers del blog. Basta seguire pochissime e semplicissime regole per partecipare al Giveaway:
- Essere followers del blog
- lasciare un commento cercando di dire qualcosa di più di (bel libro, mi interessa; spero di vincere; ecc.); siate fantasiosi. Scrivete la mail dove volete essere contattati in caso di vittoria e pubblicizzate l'evento il più possibile (copiando i link nel commento, che saranno valutati nell'assegnazione di punti extra).
- rispondete nel commento alla seguente domanda: "Qual è l'ipotesi di futuro che vi spaventa di più? Come non vorreste che fosse il mondo fra mille anni?"
Avrete la possibilità di comparire due volte nella lista del random se la vostra risposta alla domanda sarà la più bella a parere mio e di Charlie.
Ora tocca a voi. Il Giveaway termina il 31 Ottobre a mezzanotte. Il romanzo potrebbe essere un ottimo regalo di Halloween: che aspettate a partecipare?


Giav

20 commenti:

  1. "Il domani che verrà" è un romanzo che mi piacerebbe leggere da un po' di tempo. Mi ha colpita, molto, la trama poiché trovo assolutamente originale la scelta compiuta da parte dell'autore, di ambienare una storia in un periodo - a mio parere - "apocalittico" come la terza guerra mondiale. Vorrei leggere la vicenda di questi otto ragazzi che, rientrati a casa, trovano la loro vita completamente e violentemente stravolta e uniscono le loro forze per cercare di riportare la pace e la tranquillità. A volte, mi capita di pensare al mio futuro e quando capita penso sempre che non vorrei avere grossi problemi nel trovare un lavoro che possa garantire una vita, quanto più tranquilla, a me e alla mia futura famiglia. In questo periodo di crisi è facile avere pensieri come questi e, purtroppo, ci sono famiglie che vivono questa realtà. Sono concreta perciò questa è la mia risposta alla vostra domanda.

    Ho condiviso su:
    http://www.facebook.com/profile.php?id=1536505446
    http://www.facebook.com/pages/Concorsi-e-Giveaway/146881062020078
    http://www.facebook.com/groups/132208490123079/
    http://www.facebook.com/pages/Tutti-pazzi-X-gli-eventi/249692691717392
    http://www.facebook.com/pages/GiveawayLandia/184097224959838
    https://twitter.com/#!/trudina_87
    https://twitter.com/?lang=it&logged_out=1#!/Maila87
    https://plus.google.com/u/0/102679352400121601659/posts?hl=it

    e-mail: butterflygirl_87@live.it

    RispondiElimina
  2. Amo il genere distopico perciò questo romanzo ha attirato subito l amia attenzione. Mi incuriosisce la trama ma anche l'ambientazione australiana che non è così usuale. Da quel che ho potuto leggere mi pare di capire che questo romanzo trasmetta anch eun messaggio di speranza per il futuro. Mi piace pensare che le nuove generazioni possano lottare per rendere il mondo migliore.

    L'ipotesi di futuro che più mi spaventa?

    Non posso che pensare allo scenario distopico dipinto da Bradbury in Fahrenheit 451. Da amante dei libri l'ho trovato molto inquietante e, ahimè, anche tristemente possibile.

    Un futuro in cui i libri vengono tutti bruciati e la libertà di pensiero non può più essere esercitata liberamente. E' questa l'ipotesi che mi fa più paura.



    Ho condiviso qui:

    http://www.facebook.com/miriam.mastrovito

    http://twitter.com/#!/mirammas/status/125477061363118080

    http://italianpress.blogspot.com/2011/10/who-is-charlie-il-domani-che-verra.html

    RispondiElimina
  3. partecipo e condivido su fb: http://www.facebook.com/profile.php?id=100000538226239

    vi seguo su gfc: carmen

    Ho sentito parlare benissimo di chi ha scritto questo libro ma anche dei contenuti di quest'ultimo e devo dire che mi ha incuriosisce parecchio comprendere le vicessitudini di questi otto spensierati fanciulli e gli intrecci/legami che instaureranno per combattere la sorte avversa!

    Rispondendo alla tua domanda ti dico francamente che mi capita volentieri di pensare al mio futuro, a come sarò o a cosa vorrei fare, i vorrei sarebbero infiniti ma in cima sta il vorrei la mia realizzazione professionale ed economica, caposaldo essenziale x una serena vita!

    Carmen giveaway
    jasminem2004@hotmail.com

    RispondiElimina
  4. Sinceramente "Hunger games",romanzo a cui molti paragolano "Il domani che verrà",non mi ha sorpreso come avrei sperato dalle molte recensioni positive. Indubbiamente il genere mi affascina e trovo interessante leggere di persone comuni proiettate in una situazione fuori dall'ordinario,quindi partecipo. La copertina è molto bella e spero di poter presto vedere il film! Incrocio le dita ;)
    La mia mail:delvecchiomichele_@libero.it
    Ho condiviso qui:https://www.facebook.com/pages/-%D0%BCu%CF%83ic-%E2%84%93y%D1%8Fics-/124210884266455
    https://www.facebook.com/group.php?gid=176582265852
    https://www.facebook.com/michele.delvecchio1
    Sinceramente per me il futuro è un grande buco nero. Non saprei proprio cosa aspettarmi. Ho paura che la crisi economica e varie calamità naturali, di cui siamo noi la causa, potrebbero cambiare il nostro mondo irreversibilmente.

    Mik_94

    RispondiElimina
  5. spero di vincere questo libro perchè l'ho rincorso così tanto, cercando di avere un po di fortuna tramite i vari GA organizzati ma niente :(, sono arrivata quasi sempre seconda o terza, che delusione!! vorrei leggerlo non solo perchè si preannuncia come il nuovo fenomeno libresco, a partire dai film realizzati, sulla scia del filone HP, ma anche perchè mi sembra un dispotico diverso dai soliti, si tratta questa volta di un gruppo di ragazzi che cerca di salvare il mondo concretamente e non si limita solo a salvare il proprio amore o la propria vita, come accade nei dispotici che ho letto.
    ho visto il trailer è lo trovo molto carino, in più ho natato che la protagoista sembra essere una delle ragazze che interpretava una delle protagoniste dello sleepover's club! che vedevo anni addietro con mia sorella!
    rispondendo alle domande poste devo dire che mi terrorizza l'ipotesi di un mondo dove, a causa di un disastro colossale comandino solo i più ricchi e che tutti gli altri siano costretti in condizioni disumane e inaccettabili, tipo "codice genesi". al contrario non vorrei trovarmi tra mille anni in un mondo supertecnologico alla "star wars", vorrei che l'uomo sia il vero artefice della sua vita, e che la natura sia rispettata e conservata nella sua bellezza.

    ho condiviso su facebook
    http://www.facebook.com/profile.php?id=1513842428

    twitter
    http://twitter.com/#!/susimarcone/status/125501876551692288

    google plus
    https://plus.google.com/u/0/107351428281273034556/posts/AQD7p5MEok8

    email susimarcone@gmail.com

    RispondiElimina
  6. ciao ti seguo come hegles,su fb ho condiviso,sono chiara ciofolo
    mi piacerebbe questo libro,è il mio genere
    Il mondo tra 1000 anni?mi spaventa pensare a una Terra devastata,inquinata,arida,senza più uccellini,senza più verde,senza più acqua...Il sol pensiero mi fa venire la pelle d'oca!
    Per favore,non riduciamola così,per favore riciclate,non sporcate,non gettate carte dal finestrino della macchinma,non sprecate acqua!

    hegles@inwind.it

    RispondiElimina
  7. Ho amato Hunger Games, ma dopo il libro della Collins non c'è stato nessun romanzo distopico che mi ha tanto coinvolto! Partecipo, sperando di poter trovare quello che cerco in questo avvincente romanzo! Anch'io ho idea poco ottimiste riguardo al nostro futuro. Meglio non pensarci. La verità potrebbe essere troppo spaventosa.
    La mia mail:corraromaria@libero.it
    Ho condiviso qui:https://www.facebook.com/pages/-%D0%BCu%CF%83ic-%E2%84%93y%D1%8Fics-/124210884266455
    https://www.facebook.com/group.php?gid=176582265852

    RispondiElimina
  8. Questo libro lo vorrei davvero leggere!
    l'ho vedo quando passo per la libreria
    ed ogni volta sono attratta dal comprarlo! **
    spero di vincerlo qui altrimenti...prendo il portafoglio! eh eh XD

    ho condiviso qui:
    http://www.facebook.com/profile.php?id=100001940184389

    e questa è la mia email: chrystal91@hotmail,it

    RispondiElimina
  9. Non ho mai letto un libro ambientato in Australia nè di questo genere. Se c'è in uscita il film ciò significa che ha avuto molto successo.
    E' difficile immaginare la scena di una guerra mondiale, se non per quello che ci riporta la storia.

    Risposta alla vostra domanda
    Sono diversi gli scenari chemi fanno paura, ma due principalmente.
    Il primo non avere una stabilità economica, una propria indipendenza, a causa della crisi economica, dove ognuno pensa per se, tralasciando le persone che per problemi gravi non possono cambiare la loro vita.
    Altro scenario, una calamità naturale, una guerra, in cui bisogna essere costretti ad abbandonare la casa, o dividersi dai propri familiari
    Ciao, grazie
    micia@email.it
    http://twitter.com/#!/micia18/status/125905176367349760
    http://www.facebook.com/permalink.php?story_fbid=285065104856872&id=100000209159301
    sidebar blog http://parlarescrivendo.blogspot.com/

    micia@email.it

    RispondiElimina
  10. Ciao, grazie mille per questo giveaway, vorrei moltissimo leggere questo libro, soprattutto in previsione dell'uscita del film nelle sale.

    Il genere distopico mi affascina e spaventa insieme, spesso mi accorgo di leggerlo quasi per "esorcizzare" il presente.

    Secondo me il futuro peggiore che potrebbe prospettarsitarsi per l'umanità è un futuro in cui siano i governi a decidere tutto per noi: che lavoro dobbiamo fare, chi dobbiamo frequentare, quali interessi e passatempi possiamo avere. Ogni tanto ho la terribile sensazione che siamo già avviati verso questo tipo di futuro.

    ho condiviso:
    http://www.facebook.com/#!/pages/Concorsi-e-Giveaway/146881062020078
    http://www.facebook.com/federica.dequino

    mail: federica.dequino@libero.it
    ciao
    Fede

    RispondiElimina
  11. Grazie ancora per questa bella opportunità! L'ho rincorso ovunque senza esito positivo ed ora mi son decisa ad acquistarlo. Mah...tento ancora una volta.
    La curiosità e la voglia di leggere questo libro è alle stelle. Se ne sente parlare ovunque. In libreria lo scaffale era vuoto: tutte le copie esaurite. A breve ci sarà anche la trasposizione cinematografica. Il successo è stato paragonato a Twilight e ad H.Potter. Direi che può bastare. E io posso rimanere esclusa dai lettori del libro?!? No di certo. Voglio leggere il libro prima di andare al cinema!

    Secondo me il futuro peggiore che ci possiamo aspettare è quello che condurrà alla fine. Troppi sprechi per ogni bene primario. Troppo inquinamento. Troppe disparità. Troppa tecnologia. Guerre. I potenti che saranno sempre più ricchi e potenti non baderanno a sperperare pur di star nelle loro agiatezze e nel loro lusso accelerando solo la fine che verrà per tutti indistintamente.

    Ho condiviso su FB:
    https://www.facebook.com/AnjaSte

    twitter: https://twitter.com/#!/anjaste/status/126188238309306368

    google buzz: https://plus.google.com/100926717753926699728/posts/XqfQdNraAMv

    segnalato sul mio Blog: http://sognipensieriparole.blogspot.com/p/giveaway-e-contest-di-altri-blog.html

    La mia mail è stefania.pescali8@gmail.com

    RispondiElimina
  12. partecipo e condivido
    https://www.facebook.com/dolcemanu86
    email:ilregnofatato@hotmail.it

    RispondiElimina
  13. è un libro che in un certo senso mi appartiene molto..sono quella persona che ha sempre previsioni apocalittiche...un scenario che mi spaventa di più..tutti gli esseri umani che si trasformeranno in cannibali e si ciberanno di carne umana..dico quest..perché già sono cannibili delle anime dei loro simili..distratti ed egoisti come solo gli uomini sanno essere...quindi trasformarsi in dei veri e propri mostri..come dire giù la maschera..
    nick follower blog: catymariposina
    email maison-@hotmail.it
    condiviso
    http://www.facebook.com/permalink.php?story_fbid=208116442592705&id=100001275778016
    http://twitter.com/#!/mariposinacate/status/126528785435738112
    http://papaverieroseblogspotcom.tumblr.com/post/11644753881
    https://plus.google.com/101470283784452506254/posts/amieaE4vthZ?hl=it
    http://papaverierose.blogspot.com/2011/10/who-is-charlie-il-domani-che-verra.html

    RispondiElimina
  14. La trama di questo libro mi incuriosisce molto. Di solito non leggo molto di questo genere, ma mi piacerebbe molto scoprire la personalità di questi otto ragazzi, come affronteranno il tutto. Spero davvero che non sia deludente come altri romanzi che avevano annunciato come l'evento dell'anno... beh staremo a vedere!

    Nel futuro che spero non si verifichi mai c'è così tanto inquinamento che non è quasi possibile uscire di casa; è un futuro dove la crisi si è aggravata ancora di più e il denaro non basta neppure per l'essenziale spingendo la gente a gesti sempre più disperati e violenti; è un futuro in cui l'istruzione è un bene elitario e l'unica speranza che si condivide è: sopravvivere.
    Incrocio le dita!!!!
    Ho condiviso su fb:
    https://www.facebook.com/profile.php?id=1425619997
    Mail: veronica.demarzo@poste.it

    RispondiElimina
  15. sto inseguendo questo libro dovunque e da tentissimo tempo! la trama è alternativa e la cover è favolosa!
    ci sono molte cose che mi fanno paura del futuro, come prima cosa perdere i miei affetti la mia famiglia non saprei proprio come riuscirei a sopravvivere, l'ipotesi che mi terrorizza è che nel futuro la specie umana scomparva del tutto a causa della nostro malignita...
    fra mille anni spero che ci siano tanti cambiamenti non solo sviluppi estetici o sviluppi tecnologici, io spero che ci siamo molti cambiamenti nell'emotività e nel comportamento umano. spero che questo periodo per gli uomini del fututo sia solo un brutto ricordo e che con questi ricordi l'uomo capisca che la loro malignità non è servita a niente, solo a far morire persone innocenti.
    divina5997@.it
    http://www.facebook.com/profile.php?id=100001101279125

    RispondiElimina
  16. scusa l'email è
    divina5997@live.it

    RispondiElimina
  17. la trama è molto ben congeniata e ricca di suspance, anch'io adoro il campeggio anche se non ho mai avuta la fortuna di farlo in un posto così esotico come il bush australiano
    sarebbe terribile tornare a casa e non trovare più nessuno...
    nel futuro spero ci sia ancora posto per la natura perchè vedere mio figlio che gioca in un prato raccogliendo sassi, foglie e gherigli di noci mi stringe il cuore. acnh'io trovo sempre sollievo immersa nella natura che mi ricarica e mi restituisce serenità dopo giornate difficili
    basta una giornata tersa in cui si vedono le montagne innevate e la mattinata inizia già con il sorriso
    sarebbe un peccato se nel futuro non si potesse più godere di tutto ciò; ovviamente anche la salubrità e le risorse naturali sono necessarie ma l'aspetto estetico di madre natura non lo tralascerei!
    mammasuperabile@gmail.com
    http://mammasuperabile.blogspot.com/
    http://www.facebook.com/profile.php?id=100001767326223

    RispondiElimina
  18. questo libro mi ha attirata dalla prima volta in cui ho letto la trama!! potrebbe essere uno scenario del nostro futuro!! anche se spero vivamente non accadano cose simili!! O,O
    il futuro che mi spaventa di più è un futuro in cui la natura è ridotta al minimo indispensabile e tutta la nostra vita viene decisa dai vertici.. quanto dobbiamo mangiare, dove dobbiamo lavorare, chi dobbiamo sposare e quanti figli avere.. una vita condotta lavorando per arricchire i vertici e soddisfare i loro porci comodi.. una vita sottomessa in cui ogni forma di ribellione viene severamente punita.. zero distrazioni.. zero emozioni..
    direi che il futuro che ho dipinto è davvero terribile!! xD xD meglio riderci sopra.... anche perché penso che in certi posti non sia poi un futuro così impensabile.. :( :(
    ho condiviso qui:
    http://www.facebook.com/profile.php?id=1360721535
    mail: citylive@hotmail.it

    RispondiElimina
  19. il libro mi ha subito incuriosito quando un giorno trovai un segnalibro colorato all'interno di un libro che comprai per me, in estate. Diceva 'il domani che verrà'
    'lo voglio', pensai. ma la mia lista desideri aveva priorità interminabili. spero di riuscire a portarmelo a casa, lo voglio, lo voglio!! *.*

    il domani mi spaventa da sempre, da quando ho capito che che anche tra 3 secondi è domani, tra 1 ora, tra 20 ore. ho paura di crescere perchè il mondo fa schifo. ecco. vorrei che tra 20 anni il mondo non facesse schifo, punto.

    contattatemi qui: fabs.creazioni@gmail.com

    condivido qui:
    http://www.facebook.com/fabs.creazioni/posts/305138792846228
    http://www.facebook.com/permalink.php?story_fbid=208435279227897&id=100001842789603
    https://twitter.com/#!/FabiolaGranier

    RispondiElimina
  20. Mi ha interessato da subito questo romanzo che tratta di 8 ragazzi e che combattono contro le avversità, e i relativi intrecci.. E poi tt coloro che lo hanno letto ne parlano benissimo, quindi un motivo ci sarà..
    L'ipotesi del futuro che mi più mi spaventa è ritornare alle origini, se nn peggio.. con tutto questo falso perbenismo e spreco che circolo oggi giorno
    Sharon_93@live.it

    RispondiElimina

Ciao! Se ti va di lasciare un commento, mi farebbe molto piacere :)