sabato 21 gennaio 2012

"Se fosse per sempre" - Tara Hudson: recensione

Buonaseeeeeeeeeeeeeeera!!!
Pronti ad un'altra recensione? Il sabato è fruttifero!



Se fosse per sempre
Tara Hudson

Editore: Nord
Pagine: 368, rilegato
Prezzo: 18,60 
ISBN: 9788842918325

Chissà da quanti anni Amelia si aggira inquieta sulla riva del fiume. Quand’è morta, ne aveva solo diciotto e, da allora, ha perso la cognizione del tempo e non ricorda nulla del suo passato: né i suoi genitori, né i suoi amici, nemmeno il proprio cognome. Rammenta solo le acque scure che si sono chiuse su di lei, soffocandola. Le stesse acque che vede nei suoi incubi quando, atterrita, è costretta a rivivere ogni angosciante momento della propria morte. Un giorno, però, dopo uno di quegli orribili sogni, Amelia capisce che c’è qualcosa di molto diverso. Perché stavolta non si tratta di lei, bensì di un ragazzo che sta davvero affogando e che lotta per sopravvivere. Amelia non può lasciare che pure lui subisca il suo stesso destino e decide di aiutarlo: come per magia, il ragazzo non solo trova la forza di nuotare verso la riva, ma riesce addirittura a vedere il viso di Amelia, a sentire la sua voce, a sfiorarle una guancia con la punta delle dita. E, in quell’istante, lei capisce di non essere più sola, di aver trovato qualcuno di cui potersi fidare, qualcuno disposto a scoprire chi l’ha uccisa. Qualcuno che, per amor suo, sfiderà perfino le forze oscure che stanno cercando di distruggerla…

--------------------------------------- LA TRILOGIA ---------------------------------------

Se fosse per sempre è il primo capitolo della trilogia Hereafter composta da:


1. Hereafter, 2011 (Se fosse per sempre, 2012)
2. Arise, previsto in USA per il 2012
3. Elegy, previsto in USA per il 2013

-------------------------------------------------------------------------------------------

Recensione:

<<So per certo che credono a un sacco di cose incredibili. Immagino di essere sempre stato convinto che raccontassero un sacco di storie... fino ad oggi.>>
Posò su di me uno sguardo pieno d'ammirazione, e io chinai di nuovo la testa. Una di quelle cose incredibili ero io
Amelia è morta. Non sa da quando, non sa perché. Tutto ciò che ricorda, oltre il suo nome, è l'istante della sua morte, il suo incubo ricorrente: le gelide e oscure delle acque del fiume sul quale vaga l'hanno inghiottita una notte lontana annegandola e risputandone fuori solo l'ombra di un fantasma. La sua esistenza è un continuo ripetersi di questa terribile scena, intervallata solo da tentativi di fuga e vagabondaggi durante i quali nessun uomo riesce a vederla o sentirla, finché qualcosa non cambia: dall'ennesimo sogno non si risveglia come sempre nel suo cimitero, ma si ritrova nuovamente in mezzo alle stesse torbide acque, con la sola differenza che non è più lei ad affogare, ma qualcun altro. Il ragazzo sta per morire, ma lei fa di tutto per riportarlo in vita, e ci riesce. Da quel momento, lui riesce a vederla, per la prima volta qualcuno riesce a sentirla! Magari Amelia non sarà più così sola...

<<Nessuno ti ha vista in acqua con me. Mi sembra assurdo. Perché tu eri in acqua con me, vero?>>
Mi morsicai il labbro inferiore e feci un piccolo cenno d'assenso.
<<Sapevo di non averti solo immaginato. Be',magari mentre ero, sai, morto.>>

Quello che si instaura fra Amelia e Josh, il ragazzo che lei riporta alla vita, è qualcosa di più di un colpo di fulmine, molto più di un semplice innamoramento: è quell'amore folle e impossibile, delicato e disperato, dolce e indimenticabile, quel sentimento così potente e irrazionale che può nascere solo in situazioni terribilmente difficili e fuori dal comune. Sì, perché il fatto che lei sia un fantasma non è l'unico ostacolo che si frappone fra di loro: il loro amore è reso impossibile anche da qualcosa che è in Josh, qualcosa che l'incredibile incontro con la meravigliosa ragazza fantasma ha fatto uscire allo scoperto.

Dopotutto, lui era un Veggente e io ero il potenziale bersaglio di un esorcismo. Un ragazzo vivo, pieno di energia, e una ragazza morta.
Non esattamente una combinazione scontata. Né facile da gestire.

E se ciò non bastasse, oltre a chi le dà la caccia perché vuole farla fuori, c'è anche chi le ha fatto e vorrebbe farle di peggio: forse Amelia non è morta per caso, forse qualcuno ha voluto che lei errasse spaurita per anni, forse qualcuno voleva qualcosa da lei o forse voleva semplicemente lei. Nulla è mai come sembra.

Però pian piano, come lei ha riportato in vita Josh, è anche lui a farla rivivere: ogni suo sguardo, ogni sua carezza, ogni suo bacio, ogni emozione che le regala, le fa riaffiorare ricordi, voci, visi e profumi: sua madre che la richiama mentre osserva un cielo stellato, il sorriso del padre, la sua stanza piena di vecchi libri profumata d'albicocca, la sua umile casa, le canzoni preferite, perfino i cari amici che le avevano organizzato quell'ultima festa di compleanno sull'isolato e spettrale High Bridge la sera in cui è morta...

Ben scritto e strutturato, "Se fosse per sempre" è una storia d'amore emozionante e coinvolgente, commovente e romantica, una grande conferma del motto virgiliano "Omnia vincit amor", ma non è solo questo: è la ricerca della forza, del coraggio e della verità in se stessi, perché ognuno è la propria unica e ultima salvezza, basta solo tenerlo a mente.

Voto: 8

Giav


5 commenti:

  1. bella recensione..confermo l'idea che il titolo è interessante

    RispondiElimina
  2. bellissima recensione ** 8! Dovrò leggerlo (:

    RispondiElimina
  3. The Versatile Blogger Award sei stata nominata. Fai un salto nel mio blog: http://letteraturaecinema.blogspot.com/

    Ciao Ciao

    RispondiElimina
  4. ok copio Luigi! sei stata nominata anche sul diario =D=D

    http://diariodellafenice.blogspot.com/2012/01/versatile-blogger-award.html

    RispondiElimina
  5. Ciao, c'è un piccolo regalo per te!Buona domenica
    http://giardinodellerose.blogspot.com/2012/01/versatile-blogger.html

    RispondiElimina

Ciao! Se ti va di lasciare un commento, mi farebbe molto piacere :)