giovedì 26 gennaio 2012

"Tanit". Lara Manni conclude la sua trilogia.

Tutto (tranne i diari del Vampiro e Beautiful) prima o poi si conclude.


Tanit conclude la trilogia fantastica iniziata nel 2009 con Esbat e proseguita nel 2011 con Sopdet: una trilogia che unisce le leggende orientali ai miti mediterranei della Grande Madre, e li innesta nel racconto della contemporaneità. Stavolta, è lo smarrimento degli uomini alle prese con le bancarotte mondiali e la povertà imminente a fare da cornice a un evento fatale: una nascita divina che segnerà la fine dei tempi.





Titolo: Tanit - La bambina nera
Autore: Lara Manni
Editore: Fazi
Collana: Lain
Pagine: 370
Prezzo: 18,50 euro
Data di pubblicazione: 17 febbraio

Sinossi
Italia, 2008. In un paese dove inizia a colpire la grande crisi economica, fa la sua comparsa Axieros, l'oscura dea che ha tramato affinché mondi separati venissero in contatto. Cerca una donna umana piena di rabbia e odio, che possa partorire sua figlia Tanit, la bambina nera destinata a essere fatale per il genere umano. Sul cammino di morte che Axieros sta disegnando si incontreranno due demoni: Hyoutsuki, in cerca del suo destino, e Yobai, in cerca della vendetta. Ma sulla stessa strada cammina anche Ivy, che ha il potere di far diventare reale ciò che disegna e che rappresenta un pericolo per tutti: per la dea, per i demoni, per una coppia misteriosa che ha il compito di riequilibrare i due mondi. Solo Ivy può compiere la scelta definitiva: ma a un prezzo che forse non è disposta a pagare.

Lara Manni è nata e vive a Roma, dove traffica tra librerie e biblioteche. Dal 2006 scrive fan fiction su Efp con lo pseudonimo di Rosencrantz. Nel 2009 ha pubblicato il romanzo Esbat con Feltrinelli e nel febbraio 2011 Sopdet con Fazi Editore.
Gestisce uno dei blog più seguiti in Italia: laramanni.wordpress.com

«Un romanzo di formazione, un libro "fantastico" e attuale, fresco e giovane».Valeria ParrellaGrazia
«Un romanzo intrigante».Ruggero BianchiTuttolibri - La Stampa
«Uno stile adulto, un romanzo ricco di riflessioni mai stancanti che costruiscono suspense con continui cambi di prospettiva».Horrror Magazine
Hanno detto di SOPDET:
«Un cortocircuito tra saga fantasy e ambientazione storica, che può richiamare le ambizioni tecniche della “New italian epic” ».Rosella SimoneRepubblica
“Quando la storia degli uomini tocca picchi di follia, allora è il tempo dei demoni”.Chiara Palazzolo
"Lara Manni crea un regno popolato da demoni, manga e mondi paralleli, ma con un filo conduttore attuale: l’orrore per la crudeltà umana”Silvia PingitoreIl Venerdì di Repubblica



Giav

Nessun commento:

Posta un commento

Ciao! Se ti va di lasciare un commento, mi farebbe molto piacere :)