mercoledì 14 marzo 2012

Gremese: spazio ai francesi, ma non dimentichiamoci i nostri!

Buonasera a tutti!
Eccomi qui per parlarvi delle interessantissime ultime uscite Gremese: si tratta di un autore italiano, candidato al premio Strega 2012, e di due francesi. 
Gremese inaugura a marzo una collana che si prefigge di selezionare la recentissima produzione dei narratori francesi alla ricerca di nuovi talenti e di nuove tendenze. Non tanto e non solo libri di scrittori già affermati, quanto piuttosto libri di giovani, di esordienti, pubblicati spesso da piccole case editrici coraggiose e appassionate, di cui la Francia è terra fertile e benevola. Libri segnalatisi per il favore del pubblico, o dei librai, di cui Gremese cercherà di acquisire i diritti prima che se ne approprino le grandi case editrici. L'intenzione è quella di costituire nel tempo una realtà ben specifica nelpanorama editoriale italiano, un punto di riferimento per chi vorrà seguire l'attualità letteraria d'oltralpe e i suoi più significativi nuovi rappresentanti.
Curiosi?



Laurent Seksik
Gli ultimi giorni di Stefan Zweig
Collana: Narratori Francesi Contemporanei
pp. 192 – euro 14,00
ISBN: 978-88-8440-707-8
In libreria: 1 marzo 2012
“Un romanzo di una bellezza sconvolgente” – Le Nouvel Observateur
Il 22 febbraio 1942, il grande scrittore austriaco Stefan Zweig mette fine ai propri giorni insieme alla moglie Lotte. Questo romanzo racconta gli ultimi mesi della sua vita; dopo la fuga dall’Austria e l’esilio in Inghilterra e negli Stati Uniti, Stefan e Lotte credono di trovare in Brasile una terra con un futuro. Ma l’orrore della guerra li trascinerà nella disperazione e, soprattutto, nell’impossibilità di assistere come testimoni lontani e impotenti al crollo del loro mondo.
“Quei tempi non sarebbero più tornati. Mai più passeggiate sul ponte Elisabetta, camminate sul grande viale del Prater, il bagliore dell’oro del palazzo di Schönbrunn, né il lungo spettacolo del sole che tramonta sulle rive del Danubio. La notte era calata per sempre”.
 “Un libro coraggioso, di una delicatezza, onestà e finezza inesauribili” – Le Figaro
“Un’opera magnifica. Il ritratto accurato e avvincente di un uomo che tenta di sopravvivere alla disgrefazione del proprio universo” – La tribune

Philippe Vilain
Non il suo tipo
Collana: Narratori Francesi Contemporanei
pp. 192 – euro 14,00
ISBN: 978-88-8440-708-5
In libreria: 8 marzo 2012
 “Come un entomologo delle passioni, Vilain descrive con finezza e profondità una relazione vittima delle differenze sociali” – Le monde
 Francois, professore di filosofia parigino, viene assegnato a una città nel nord della Francia. Deluso da questa nuova destinazione e nostalgico della sua vita nella capitale, il primo periodo è per lui una dura prova. Ma poi conosce Jennifer, giovane parrucchiera divorziata e madre di un bambino che diventa la sua amante. Sono diversi in tutto: appartenenza sociale e ambizioni, linguaggio e gusti… può il loro amore superare questi ostacoli, o è soltanto un’illusione?
 Philippe Vilain, classe 1969, ha ricevuto il Prix Francois Muriac dall’Accademia di Francia con il romanzo “Parigi nel pomeriggio”, Grasset 2006. I suoi romanzi, pubblicati da Gallimard e da Grasset.
“L’amore, questo grande malinteso, in un romanzo sottile ed elegante” – Marie Claire
“Con una prosa sobria e delicata, Vilain narra in modo raffinato l’incontro tra un professore parigino e una parrucchiera di provincia” – L’express

Amos Mattio
Luna di notte
Collana: Le girandole
pp. 192 – euro 12,00
ISBN 978-88-8440-709-2 
“Una grande gioia e un senso profondo di liberazione da tutte le depressive e desolanti letture delle opere narrative che ho fatto negli ultimi anni”. Giorgio Barberi Squarotti
Due protagonisti e i loro inconfessabili segreti in un’unica, travagliata e calda notte di fine luglio, dominata dalla luna e dal beffardo gioco delle coincidenze… Un sorprendente e originalissimo libro di esordio, scritto in una prosa precisa ed elegante che in pochi tratti crea personaggi indimenticabili: dagli intensi ritratti femminili di Anna, Paola e Marta alla tenera e ambigua figura di Enrico, solo rievocata eppure nitidissima, ai due protagonisti, Giovanni e Alfio, apparentemente agli antipodi eppure potenzialmente così simili. Due destini, che per una vita si sono sfiorati senza mai conoscersi, nel delirio si intrecciano, si avvicinano e preparano un inquietante colpo di scena finale. Il risultato è un romanzo di scaltra efficacia, che da una parte rivela e dall’altra nasconde; una storia intrigante e commovente che, muovendosi tra i ricordi dei personaggi e i soffusi indizi lanciati al lettore, rivela la penna sicura di uno scrittore di razza. 
Amos Mattio, nato a Cuneo nel 1974, vive tra Lisbona e Mosca. Ha pubblicato i libri di poesia Sessanta (1997) e Bestie e Dintorni (2004) ed è presente nell’antologia Nuovissima poesia italiana(Mondadori, 2004). È autore dei racconti brevi Il sogno è di chi sogna e Il Fiocco magico (2008). Luna di notte è il suo primo romanzo. 
Giav

Nessun commento:

Posta un commento

Ciao! Se ti va di lasciare un commento, mi farebbe molto piacere :)