mercoledì 21 marzo 2012

Run with the dragons!

Salve a tutti,
stasera recensirò finalmente Firelight. L'ho finito da un bel pezzo, ma sono stata piena di impegni e sempre esausta. Adesso invece... sono comunque esausta, ma ho proprio voglia di recensire!



Firelight. La ribelle
Sophie Jordan

Prezzo di copertina: € 9,90
Formato: Rilegato
Pagine: 288
Lingua: Italiano
Titolo originale: Firelight
Lingua originale: Inglese
Editore: Piemme Freeway
Anno di pubblicazione: 2012
Traduttore: L. Fusari
Generi: Thriller


Discendiamo dai draghi. Siamo dei mutaforma che hanno sviluppato la capacità di apparire umani per sfuggire ai Cacciatori.Viviamo nascosti nelle foreste remote, volando solo di notte, dispiegando le ali quando nessuno può vederci.Siamo Draki. Io mi chiamo Jacinda e sono il tesoro del mio branco, l’unica capace di soffiare ancora fuoco. Ma dopo aver infranto per l’ennesima volta le regole che proteggono la vita della nostra comunità, sono stata costretta a fuggire insieme a mia madre e mia sorella. Ci siamo sepolte vive in un’anonima cittadina, dove sono costretta a mantenere l’aspetto umano con il rischio di dimenticare la mia vera natura. Finché non mi sono ritrovata nella stessa scuola del mio Cacciatore.È possibile una simile coincidenza? Oppure questo bellissimo e pericoloso ragazzo non è quello che la sua famiglia vorrebbe far credere?


Recensione:

"I nostri sguardi si incrociano lenti. Siamo strani animali che si studiano per la prima volta."

La scintilla si accende, in questo libro, fra due specie ostili, il colpo di fulmine scocca all'improvviso, fra due esseri che mai riusciremmo a immaginare insieme.

Jacinda, rossa dal forte temperamento, ha il fuoco dentro di lei, letteralmente: è una draki, una mutaforma, l'ultima sputafuoco da secoli nel suo clan. Non ama le regole e si caccia nei pasticci solo per dar sfogo al suo spirito draki ed è allora che, proprio quando pensa di stare per morire, un cacciatore le risparmia la vita. Ma non è semplicemente questo: Jacinda è certa che anche l'affascinante ragazzo dall'aria non cattiva, ma solo curiosa, abbia provato la sua stessa forte attrazione.
Così può tornare dal suo rigidissimo clan, dove tutti erano così in apprensione per la loro unica sputafuoco che non appena la ritrovano sanno già come punirla. Il suo destino lì è già scritto: moglie del duro e aitante figlio del capo, macchina per sfornare tanti piccoli sputafuoco. Jacinda avrebbe anche potuto accettarlo, a patto di rimanere fra le sue care montagne verdi, all'aria fresca e agli enormi spazi aperti. Jacinda avrebbe sopportato tutto per il suo draki. Ma la punizione che il clan le vorrebbe infliggere è troppo pesante perché la madre la permetta, così insieme alla sorella gemella fuggono di notte, avvolte da una fitta nebbia. Ed è il deserto la loro prossima destinazione, così che la parte draki della giovane possa avvizzire più facilmente, ma il fuoco che ha dentro è davvero inestinguibile, soprattutto se ad attizzarlo c'è l'intrigantissimo cacciatore che le ha salvato la vita...

...you can try to break us and make us fall apart, but the fires in our hearts...

Ops, scusate, dicevo, lo stile è abbastanza semplice e la trama lineare, ma ci sono molti elementi che dovrebbero essere meglio approfonditi: vedi la storia della sua stirpe o le specificità delle varie specie, così come molti personaggi -quasi tutti- appaiono ben poco caratterizzati, comprensibili e coerenti con se stessi.
La specificità del romanzo, e cioè la tematica dei draghi/draki, è poco caratterizzante, e non è affatto originale come avessi sperato:

"Un cacciatore innamorato della preda"

Vi ricorda qualcosa? A me fa tanto:


...and so the lion fell in love with the lamb...

Non ho disprezzato l'amore impossibile, il sentimento fra cacciatore e preda, dato che credo che sia una situazione sempre intrigante, se saputa trattare con originalità, e la storia d'amore qui prende abbastanza, incuriosisce. Quello che non ho gradito è stata la tensione erotica più che l'amore (ma questo non è un difetto, è solo una mia personale opinione!), la superficialità con cui sono trattati molti elementi, e la protagonista. Ormai è quasi impossibile che me ne vada giù qualcuna, purtroppo nessuna è  come Katniss! Jacinda invece avrebbe dovuto essere strong and courageous come ci appare nel primo capitolo, invece se fa qualcosa di coraggioso è sempre un cacciarsi nei pasticci/ mettere anche l'altro piede nella fossa/darsi la zappa sui piedi. Ma diciamo che la sua parte umana magari è più radicata di quello sembra...
La Jordan sicuramente migliorerà, sistemerà e arricchirà nei prossimi volumi, com'è d'obbligo nelle saghe, e magari ci saprà dare un po' meno di passion e un po' più di run with the dragons.

Voto: 7-

Giav





3 commenti:

  1. Piacerebbe molto anche a mè leggere questo libro - mi attira davvero!

    Belle le immagini che hai postato ! Soprattutto la prima ......
    Ciaooo

    RispondiElimina
  2. se decidi di leggerlo fammi sapere che ne pensi :D

    RispondiElimina
  3. anch'io ne voglio sapere di più!
    mi attira molto il tema... dove trovate queste bellissime immagini???

    RispondiElimina

Ciao! Se ti va di lasciare un commento, mi farebbe molto piacere :)