giovedì 12 aprile 2012

Una chimera, una sirena e un gatto.

Eccomi adesso con le anteprime Fazi di Aprile-Maggio. Trovo la prima molto intrigante, la seconda non mi convince molto. Voi che ne pensate?
V'informo inoltre che la Fazi ha indetto un interessantissimo concorso qui, sul sito de "La chimera di Praga".


Laini Taylor
La chimera di Praga

Traduzione di Donatella Rezzati
Collana: Lain
pp. 400 ca. – euro 16,50
In libreria: 4 maggio 2012

Già finalista al National Book Award, con La chimera di Praga Laini Taylor ha visto confermati il plauso e l’interesse della critica oltre al successo di pubblico. Il suo romanzo, finalista all’Andre Norton Award è stato tra i migliori dieci libri del 2011 per Amazon, segnalato da New York TimesPublishers Weekly, Kirkus Reviews e School Library Journal come uno dei libri migliori del 2011. Ambientata tra Praga, città magica degli alchimisti, e la casbah fumosa di Marrakech, la storia di Karou è un modern fantasy nel quale si intreccia la mitologia legata alle chimere. I diritti di traduzione del libro sono stati acquisiti in 25 Paesi e quelli cinematografici dalla Universal Pictures, dopo un’infuocata asta tra 5 major.

«C’era una volta un angelo che s’innamorò di un diavolo… ma il loro era un amore impossibile». Karou è una persona speciale. Ha dei capelli naturalmente blu splendenti come seta e una filigrana di tatuaggi su tutto il corpo. È di casa nei vicoli più stretti di Praga come nei caotici mercati di Marrakech, e parla quasi tutte le lingue del mondo, e non solo quelle umane. Ma Karou ha un segreto. A volte scompare per giorni, nessuno sa dove. E nemmeno lei sa quale sia la sua origine. Fino a quando, un giorno, non appaiono su molte porte in giro per il mondo misteriose impronte nere. Delle sconosciute figure alate, arrivate da una fessura nel cielo, le imprimono nel legno e nel ferro. Una di loro incontra Karou nell’affollata città vecchia di Marrakech: è allora che inizia un amore le cui radici affondano in un violento passato. Alla fine Karou scoprirà di sé più di quanto avrebbe mai potuto immaginare.

Laini Taylor è autrice di altri tre romanzi: Blackbringer Silksinger, della serie Dreamdark, e del romanzo arrivato finalista al National Book Award, Lips Touch: Three Times. Vive a Portland, in Oregon, con il marito, l’illustratore Jim Di Bartolo, e la figlia Clementine.

«Ogni libro che si apre con un “C’era una volta” genera grandi aspettative. È una frase che inevitabilmente rimanda alle fiabe e ai classici rilegati in pelle che trattano di grandi avventure, e che preannuncia ai lettori mondi carichi di magia». The New York Times

«Laini Taylor sforna un altro magistrale mix di realtà e fantasia con il fascino del cross-over. Squisitamente scritto, e dal bel ritmo, il racconto è ambientato in una spettrale e romantica Praga». Publishers Weekly

«La chimera di Praga è una bestia rara: un romanzo che parte dall’ordinario e lo fa apparire sorprendente e nuovo. Taylor ha abbracciato la mitologia degli angeli riadattandola in una forma straordinaria, così che, alla fine di questo esaltante e indelebile libro, avevo voglia di credere davvero nell’esistenza di questi esseri violenti e tormentati». John Connolly

«L’autrice descrive abilmente una spietata eroina, chioma blu acceso, tatuaggi, abilità marziali, il suo attaccamento crescente a un guerriero dall’eccellenza innaturale, ma non completamente sano di mente, e, negli episodi a venire, un esercito di angeli assassini da affrontare. Raramente una serie ha preso il via così squisitamente». Kirkus Reviews

«Un’avventurosa ricerca della propria identità, La chimera di Praga è scritto con uno stile raffinatissimo e un tocco di umorismo, e pone profonde domande sull’identità, le aspirazioni, la fiducia, il tradimento e il senso di appartenenza». The Los Angeles Times




Pieretta Dawn
Apprendista sirena


Traduzione di Francesca Fabbri e Lucia Olivieri

Collana: Lain
pp. 270 ca. – euro 10,00

in libreria dal 27 aprile

Caso letterario in Thailandia, Apprendista Sirena, primo libro della Trilogia delle Interspecie”, è stato in testa a tutte le classifiche per un anno. Pieretta Dawn ha esordito con questo libro a soli 15 anni, diventando un fenomeno mediatico e un modello di riferimento per molti giovani, ricevendo anche un’onorificenza ufficiale dal Ministero dell’Istruzione thailandese per il suo impegno e dedizione nell’avvicinare i ragazzi al mondo della letteratura. Il romanzo della giovane scrittrice sposta per la prima volta l’immaginario fantasy nelle profondità marine e lancia un appello per la salvaguardia e il rispetto del pianeta Terra.

Leila è un’orfana con un raro caso di amnesia, non ricorda nulla della sua infanzia e sta cercando il suo posto nel mondo. Non si aspetta certo di incontrare Nathair, un ragazzo difficile che lavora nel mercato nero dell’isola di Mondreside, facendo affari con alcuni criminali per aiutare sua madre, malata terminale. I due ragazzi si incontrano in strane circostanze: sono stati selezionati entrambi per diventare Apprendisti Sirena, ibridi che dovranno studiare per diventare ambasciatori tra la razza umana e il Popolo Sireno. Il popolo sottomarino è minacciato dall’inquinamento provocato dai terrestri, persuaderli a curarsi del pianeta Terra è fondamentale per la loro sopravvivenza.

Pieretta Dawn, pseudonimo di Praekarn (Pier) Nirandara, è nata nel 1994 e vive in Thailandia con sua madre. Ha pubblicato il suo primo Apprendista sirena a soli 15 anni.




Helga Siersch
Sono solo un gatto

pp. 178 ca. - euro 14,00

in libreria dal 27 aprile

Helga Siersch racconta con ironia il rapporto stretto e a volte conflittuale tra noi e gli animali. Il mondo visto con lo sguardo di un gatto, le strane abitudini degli umani e le piccole grandi avventure da vivere nei quartieri della capitale.

Questa è la storia di Ulisse, un simpatico gatto rosso che guarda alla vita con occhi disincantati, e di Milly, donna eccentrica e raffinata che coltiva il sogno di aprire un rifugio per animali abbandonati. Ulisse e Milly sono una coppia di fatto ideale: giorno dopo giorno, l’intesa tra loro si fa perfetta. Un gioco di carezze, silenzi, tenera dipendenza... Ma come in tutte le storie d’amore che si rispettino, anche stavolta spunta il “terzo incomodo”: alto, bello, dal fascino bohemienne. È Boris, il nuovo vicino di casa. Molly perde la testa per lui, un umano, scatenando la gelosia di Ulisse. Ma il “nostro” non è gatto da starsene buono acciambellato sul divano… Una notte, vagabondando per le strade di Roma, s’imbatte in un capannello di suoi simili che confabulano contro la chiusura dello storico mercato del pesce di Ponte Milvio. Filosofo nato, leader per vocazione, Ulisse si mette subito a capo della protesta a quattro zampe. Insieme a Duscka, il cane di Boris, darà il via a una spettacolare azione eversiva che lo trasformerà nell’eroe di tutti i gatti di Roma.

Ludmilla Helga Siersch è nata a Vienna nel 1919. Dopo aver conosciuto gli orrori del nazismo, approda a Roma, prossima a diventare la “Hollywood sul Tevere” e trova lavoro come costumista cinematografica. Vive ancora a Roma, dove scrive e lavora, circondata dai suoi adorati gatti. Per Fazi ha pubblicato nel 2011 il romanzo autobiografico Addio Vienna.

Giav

Nessun commento:

Posta un commento

Ciao! Se ti va di lasciare un commento, mi farebbe molto piacere :)