domenica 27 maggio 2012

"Profezia finale" e "L'artista della morte" per Tre60



Titolo: Profezia finale
Titolo originale: The Prophecy
Autore: Chris Kuzneski
Pagine: 416
Prezzo: 9,90 Euro

In libreria: 31 maggio 2012


Francia, 17 giugno 1566. Pochi giorni prima di morire, un uomo scrive una lettera, la chiude in un cofanetto di legno e, in una postilla al suo testamento, dispone di svelarne il contenuto soltanto molti secoli più tardi…

Stati Uniti, oggi. Dopo aver ricevuto una lettera in codice – un’enigmatica quartina composta in varie lingue antiche –, una giovane insegnante inizia a sospettare di essere pedinata e, intuendo di essere in pericolo, decide di chiedere aiuto al milionario Jonathon Payne e al suo collega David Jones, ex soldati delle forze speciali diventati consulenti del governo americano. Per incontrarli, si reca quindi a una serata di beneficenza organizzata all’università di Pittsburgh ma, proprio mentre sta per mostrare loro una copia della lettera, la donna viene assassinata da un cecchino, che a sua volta muore poco dopo. Decisi a fare luce su quell’omicidio e sul significato della misteriosa quartina, Jones e Payne vengono così coinvolti in un’avventura che li porterà prima a casa della vittima - dove scopriranno che lei aveva mentito sulla sua identità -, poi nel caveaux di una banca svizzera e, infine, in un antico castello in Belgio, costantemente braccati da nemici determinati a difendere un segreto custodito da centinaia di anni, un segreto che riguarda il nostro futuro…

 «La scrittura di Kuzneski ha lo stesso sapore del primo Stephen King.»
James Patterson

«Kuzneski è un maestro della fiction.»
Vince Flynn

L’autore

Chris Kuzneski è nato e cresciuto nell’Indiana. Dopo essere stato ammesso all’University of Pittsburgh, ha dovuto abbandonare le proprie ambizioni sportive – era una promessa del football – a causa di un infortunio e ha quindi deciso di seguire un master in scrittura creativa. Il suo primo romanzo è stato rifiutato da tutti gli agenti cui lo aveva mandato, ma lui non si è arreso e oggi è considerato l’autore di romanzi d’avventura più interessante del panorama anglosassone.





Titolo: L'artista della morte
Titolo originale: Los cuadros del anatomista
 Autore: Alejandro Arìs
 Pagine: 352
Prezzo: 9,90 Euro

In libreria: 24 maggio 2012


Washington, 1968. Dopo aver trascorso più di due anni nell’inferno del Vietnam, il dottor Kenneth Philbin è ormai abituato ad affrontare le atroci sofferenze dei feriti e a confrontarsi quotidianamente con l’orrore della morte. Tuttavia neanche lui può rimanere indifferente davanti a uno spettacolo così macabro e inquietante: un uomo seminudo crocifisso ai pali di sostegno di un molo. Poco sopra la testa della vittima, è stato inchiodato un foglietto con scritto «Salvador», mentre sull’acqua sottostante c’è una piccola imbarcazione. Sebbene Kenneth, in qualità di chirurgo del pronto soccorso, sia stato convocato dalla polizia solo per certificare la causa della morte, è lui il primo a capire che la scena del crimine è l’esatta riproduzione di un celebre quadro di Salvador Dalì, il Cristo di san Giovanni della Croce. E, nel giro di pochi giorni, arriva un’altra drammatica conferma: la polizia infatti trova un cadavere disposto in modo da raffigurare l’Uomo vitruviano di Leonardo. Ma è la maestria con cui il corpo è stato sezionato a mettere in allarme Kenneth: l’omicida non è ossessionato soltanto dalle opere d’arte, ma anche dal corpo umano, ed è chiaro che ha una profonda conoscenza dell’anatomia e una straordinaria abilità chirurgica. Forse l’assassino è molto più vicino di quanto Kenneth possa immaginare, ed è proprio a lui che ha lanciato la sfida…

UN ESORDIO TAGLIENTE
DEL CALIBRO DI RICORDA MAGGIE ROSE DI PATTERSON
IL COLLEZIONISTA DI OSSA DI DEAVER

«Alejandro Arìs ha scritto un thriller che non dà tregua
con una penna affilata e precisa come un bisturi.»
Suma de letras

«Un’ottima miscela di arte, medicina e suspense.
Mi auguro che Arìs voglia scrivere un altro romanzo.»
Esther, Suma de letras

«Una magnifica lezione di anatomia e di storia dell’arte, raccontata toccando le giuste corde.»
Umberto, Suma de letras

«Il cuoco che ha preparato questa delizia è uno chef pluristellato.
Ha usato ingredienti di altissima qualità:
¼ di storia americana, ¼ di medicina in stile CSI,
¼ di storia dell’arte, ¼ di poliziesco.
Il tutto amalgamato con una tensione perfetta.
Ma quando arriva la seconda portata?»
Pedro, Suma le letras

L’autore

Alejandro Arís è nato a Barcellona nel 1943. Medico chirurgo, è direttore del reparto di Cardiologia di uno degli ospedali della sua città. L’artista della morte è il suo primo romanzo

Giav

Nessun commento:

Posta un commento

Ciao! Se ti va di lasciare un commento, mi farebbe molto piacere :)