lunedì 18 giugno 2012

Recensione: Paranormalmente

Paranormalmente 
Kiersten White 


Titolo originale: Paranormalcy
Editore: Giunti Y
Prezzo: 14.50
Pagine: 410



Evie sogna una vita normale, ma quando a sedici anni si ha il dono di vedere i mostri e si è  un'agente del Centro Internazionale del Contenimento del Paranormale anche la ricerca della normalità può essere un'avventura.
Se poi ci si mette una sirena come amica del cuore, una fata dei boschi maschio come ex e una cotta per un aitante mutaforma, la missione diventa quasi impossibile...
Ma fra mille avventure e qualche momento di romanticismo, dopo aver sconfitto un'oscura profezia delle fate, aver salvato il mondo del paranormale e aver fatto i conti con la sua vera identità, Evie, accoccolata sotto una coperta con Preston, il suo mutaforma, sentirà le loro anime fondersi e l'amore trionferà su tutto, nel mondo normale, e anche in quello un po' più strano. Ironico e dissacrante, “Paranormalmente” è un romanzo pieno di azione e di fantasmagorici colpi di scena.


"La realtà era più paranormale del paranormale a volte."

Evelyn ha sedici anni, lunghi capelli biondi e occhi di un grigio chiarissimo. Qui finisce la sua percentuale di ordinarietà, perchè Evie ha la straordinaria capacità di riuscire a vedere oltre le sembianze di ogni essere paranormale e captarne il vero aspetto. Proprio per questo suo innato e inspiegabile talento lavora per l'AICP (l'Agenzia Internazionale per il Controllo del Paranormale), che costituisce anche la sua casa. Evie non ha una vera e propria famiglia, non ha mai conosciuto i suoi genitori nè si hanno notizie tangibili sulla loro esistenza. E' stata trovata dal Centro in un cimitero, alla tenera età di tre anni, mentre riusciva a borbottare solo il suo nome. Da quell'istante la sua vita ha smesso di essere normale per prendere, assurdo a dirsi, una piega totalmente paranormale. Raquel, gelida direttrice del Centro, è divenuta la figura più simile a una madre che potesse avere, Lish, una sirena e sorta di addetta alle comunicazioni, la sua migliore amica e Reth, avvenente fata maschio, la cosa più simile a un infatuazione che le circostanze potevano concedere. La vita di Evie è un susseguirsi di missioni acchiappa-e-scappa, unico  periodo di tempo durante il quale la ragazza lascia momentaneamente il Centro. La cosa che lei desidera più ardentemente è una vita normale, lo stesso genere di giornata che vede rappresentata negli episodi di 
Easton Heights
, il suo telefilm preferito. Guidare un auto, la scuola, i compagni, trascorrere il tempo tra ragazzi come lei. Normali come lei, come la sicurezza che lei è un'umana in tutto per tutto. Però, l'arrivo al Centro di Preston, un carismatico mutaforma, stravolgerà ogni consapevolezza. Preston insinua, Evie tituba, Reth è sempre più strano. Che ci sia molto di più? Che il suo dono, quello di riuscire a vedere davvero l'identità di tutti, sia in realtà una maledizione? Che lei si realmente diversa?
A peggiorare tutto ciò l'inizio di vari omicidi causati da un carnefice di cui non si sa nulla, non se ne sapeva neppure l'esistenza. Ma può tutto risolversi in modo semplice in questo mondo tanto paranormale? 
Dopo un periodo indefinibile mi sono decisa a concludere la lettura di questo spumeggiante libro, in attesa del secondo volume. Paranormalmente è, difatti, una trilogia che si concluderà negli USA con l'uscita dell'ultimo volume questo autunno. Dal finale del primo volume non so realmente cosa aspettarmi dal futuro, ma per il momento ci sono varie premesse. Non voglio annoiarvi quindi cercherò di mettere ordine. Spenderei un paio di parole anche sulla copertina ma si commenta da sè, ed è decisamente più allettante della cover originale! Lo stile della White è fresco, anche troppo per me, tanto che si deduce fin da subito che è sostanzialmente una lettura dedicata ai più giovani, coloro che si stanno affacciando al mondo della lettura. Oppure per giornate al mare, il che non è difficile dato che siamo definitivamente in estate! Una cosa è certa, Paranormalmente non è un libro pesante o riflessivo ma giovanile, una boccata d'aria, un libro simpatico pieno di fantasia e di ironia, un modo come un altro per svagarsi e passare il tempo! 
La protagonista, Evie, ci appare da subito come un soggetto fuori dal comune. Testarda e vivace, delle volte detestabile perchè con la sua cocciutaggine rallenta la narrazione, ma talmente simpatica che è impossibile non affezionarcisi. Preston, il protagonista maschile, è esattamente il pezzo mancante al suo puzzle. Fin da subito la chimica tra i due è palpabile e sembra proprio che, in un modo o nell'altro, si completino. Difficile non accorgersi della grande cotta che Evie si prenderà nei suoi confronti!


"Preston fa vedere al mondo ciò che desidera fargli vedere e tu vedi attraverso tutto ciò che il mondo vuol farti vedere."

Una cosa che ho seriamente detestato è stato scoprire di un cambiamento al nome di Preston. Ebbene sì, in realtà lui si chiamerebbe "Lend" e non riesco ancora a giustificarmi questo cambiamento, dopotutto il nome è qualcosa che appartiene al personaggio. Noi non possiamo decidere che appellativo appioppargli, nè tantomeno sostituirlo in forma cartacea. I personaggi di un libro sono qualcosa che va oltre la fantasia dell'autore il quale concede loro la vita di modo che seguano la loro strada. Preston è nato come Lend e non ci sono giustificazioni a riguardo.
Tornando ai personaggi, e ahimè accantonando quello di Lend, devo ammettere che il personaggio più magnetico, mistico, misterioso, insomma con un sacco di aggettivi che iniziano per "m", sia quello di Reth. 


Reth è una fata maschio con un insolito debole per Evie e dei modi delle volte così melensi e cavallereschi mentre delle altre così possessivi e scorbutici che credo sia impossibile non notarlo o considerarlo uno dei personaggi più riusciti. Il suo ruolo va ben oltre strane rime e filastrocche incomprensibili. Vi è una sorta di ambiguità, di spaventosa attrazione nella figura delle fate descritta dalla White. Esseri così belli ma subdoli, di cui non potresti mai fidarti eppure non puoi fare a meno di seguire, direi che mi sento completamente conquistata! Oltre loro un po' tutti gli essere paranormali rivisitati hanno qualcosa di carino, o divertente oppure detestabile, come i vampiri che in realtà hanno le sembianze di cadaveri decomposti.
In conclusione, per non esagerare coi dettagli, Paranormalmente risulta una piacevole lettura che non riuscirà mai ad annoiarvi, anzi, dovrete fare di tutto per non staccarvi dalle pagine e per abbandonare la crescente voglia di avere un taser rosa zebrato tutto per voi!

"Occhi che si sciolgono come neve al sole"
 
voto 3 stelline e mezzo:





La serie
  • Paranormalcy (Paranormalmente) - 2010 USA (Pubblicato per Giunti)
  • Supernaturally - 2011 USA
  • Endlessy - 2012 USA
L'autrice
Kiersten White
Kiersten White è nata in Utah ma vive a San Diego col marito e i figli. Affascinata dal mondo dei teenager, estremamente spiritosa ed autoironica, l'autrice ha regalato ai lettori più giovani questo divertente romanzo paranormale. Paranormalmente è il primo romanzo di una trilogia. Decisamente comico questo è un libro dedicato ai giovanissimi. La pubblicazione del secondo episodio, dal titolo originale Supernaturally, è prevista per il 2012. Kiersten ha un blog interamente dedicato ai suoi libri ed è molto presente su Twitter (http://twitter.com/#!/kierstenwhite). 
Il suo sito web: http://kierstenwhite.com/

Nessun commento:

Posta un commento

Ciao! Se ti va di lasciare un commento, mi farebbe molto piacere :)