venerdì 3 agosto 2012

Si sente la voce



In libreria dal 10 settembre

 Si sente la voce  (CartaCanta, pp. 240 – euro 14,00)
 prima raccolta di racconti del concorso letterario 8X8 a cura di Oblique Studio

«8x8 è il modo migliore per vedere cosa bolle nella scrittura e immaginarsi cosa arriverà» 
Paolo Giordano

4 anni, 20 serate, quasi 2000 racconti arrivati, circa 40 scrittori con in mano un contratto editoriale: questi i numeri di 8x8, «il torneo letterario più bello d’Italia», secondo Michele Rossi. In attesa del lancio della quinta edizione del concorso il prossimo ottobre, esce in libreria il 10 settembre per Carta Canta a cura di Oblique Studio Si sente la voce (pp. 240 – euro 14,00), prima raccolta di racconti di tutte le serate di queste quattro edizioni del concorso.  Un concorso letterario diverso dagli altri, perché non si paga nulla per partecipare e non si vince nulla a parte qualche buon libro, perché a 8x8 interessa scovare e incoraggiare talenti e interessa che i talenti scovino e incoraggino 8x8. Narrazioni brevi, tema libero, 8 concorrenti a serata, 8000 battute da leggere in pubblico in soli 8 minuti durante una delle cinque serate tra febbraio e aprile. Non sempre vince il migliore, ma importante è che Si sente la voce.


Dicono di 8x8:
 «A leggere un proprio racconto ad alta voce si ha sempre paura che ci sia in giro quel famoso bambino che da un momento all’altro potrebbe alzarsi e dire che il re è nudo. Ci vuole coraggio. Questi sono ragazzi coraggiosi.» 
Fabio Geda

«I racconti brevi sono insidiosi, richiedono ritmo, chiarezza e incanto. Questi ragazzi ne sono capaci.»
Lorenza Ghinelli

«Ancora prima di un torneo letterario, 8x8 è un moltiplicatore di storie, di racconti, il cui prodotto non è mai prevedibile. Perché il terzo fattore in gioco – gli autori – è tutto da scoprire.» 
Martino Gozzi

«Un concorso letterario vero e nobile, dove ogni racconto è valutato, selezionato e curato con severità e passione.» 
Alcìde Pierantozzi

«Il bello di 8x8 è che puoi veramente essere un tifoso a tutti gli effetti, e magari incazzarti perché vedi il tuo racconto preferito superato da altri, ma al tempo stesso essere contento di aver puntato sul cavallo sbagliato, sentire che c’hai creduto fino in fondo e convincerti che il futuro ti darà ragione.»
Veronica Raimo

«8x8 è il torneo letterario più bello d’Italia. Crea dipendenza. E lancia talenti. Chapeau.» 
Michele Rossi

«Un concorso che spezza lo stilema dello scrivente da cameretta, da bacheca Qui si deve alzare il culo dalla sedia e abbandonare la gloria tutta personale e tutta effimera che rimanda un monitor. Qui ci si deve offrire, faccia a faccia. Qui, in questo confronto che è 8x8, resta solo il talento, finalmente.»
Emanuele Tonon  

Nessun commento:

Posta un commento

Ciao! Se ti va di lasciare un commento, mi farebbe molto piacere :)