sabato 26 gennaio 2013

My book boyfriend #5: Noah Shaw.


Buon sabato sera a tutti!
Eccoci al consueto appuntamento con la mia amatissima rubrica My Book Boyfriend, ideata da Missie del blog The Unread Reader.
In che consiste la rubrica? Nell'associare un personaggio letterario a un volto noto, come un attore, un modello, un cantente.
Chiudo con immensa gioia il primo mese costante con un personaggio da me molto amato, nonostante non ne apprezzi a pieno lo sviluppo:

Noah Shaw di Chi è Mara Dyer?

Per quanto riguarda la recensione del romanzo mi appresterò a realizzarne una a brevissimo, nel frattempo vi introduco il protagonista maschile, indiscusso re della scena e, diciamocelo, uno tra i più sexy incontrati nel mio percorso di lettrice.

Nome completo: Noah Shaw
Età: 17 anni
Occupazione: Studente
Caratteristiche fisiche: "Il ragazzo – se così si poteva definire, visto che sembrava più un universitario che un liceale – indossava un paio di All Star piene di buchi e senza lacci. Portava un paio di stretti pantaloni grigio antracite e una camicia bianca button-down. Era di corporatura esile e asciutta. Aveva la cravatta allentata e le maniche sbottonate, e il cardigan dell’uniforme scolastica era appallottolato accanto a lui sulla panca, a cui era pigramente appoggiato all’indietro sui palmi delle mani. La mascella dalla linea volitiva e il mento erano un po’ scuri, come se non si radesse da giorni, e nella striscia d’ombra in cui si trovava i suoi occhi sembravano azzurri. Si poteva definirlo pallido, se paragonato a chiunque altro avessi visto in Florida fino a quel momento, il che significava che non aveva un colorito arancione.
Era bellissimo. E mi sorrideva."

— Tu mi vuoi — disse Noah semplicemente, irrevocabilmente. — Non mentirmi. Io ti sento.
— Irrilevante — boccheggiai.
— No, non è irrilevante. Tu mi vuoi quanto io voglio te. E tutto quello che io voglio sei tu.
La mia lingua e il mio cervello facevano a botte. — Oggi — mormorai.
Noah si alzò lentamente, sfiorandomi con tutto il corpo. — Oggi. Stanotte. Domani. Per sempre. — I suoi occhi erano
incatenati ai miei. Nel suo sguardo c’era l’infinito. — Io sono fatto per te, Mara. —

— Posso chiederti che programmi hai per domenica e perché io sarei compresa?
— No.
Bene. — Allora posso chiederti che programmi hai per me in futuro?
Sorrise malizioso. — No.
Fantastico. — Mi sarà data la possibilità di dire di no?
— Quello dipende esclusivamente da te. — Noah mi venne insopportabilmente vicino, solo pochi centimetri lo separavano da me. Una manciata di lentiggini scomparvero tra la barba incolta sulla sua guancia. — Sarò gentile — aggiunse. Mi mancò il respiro quando mi guardò da sotto quelle ciglia, rovinandomi per sempre.
Strinsi gli occhi. — Sei malefico.
Per tutta risposta, Noah sorrise, e con la punta di un dito mi picchiettò sul naso. — E tu sei mia — disse. E se ne andò.

— Non mi vuoi intorno? — mi chiese. Aprii gli occhi. Era mortificato e bellissimo.
— Tu mi distrai — risposi sinceramente.
— Starò buono, prometto — disse. — Mi procuro dei colori e disegno in silenzio. Da solo. In un angolo.

Da innamoratissima dell'attore - e chi segue Glee non può che darmi ragione, l'ho trovato assolutamente perfetto per la parte! Ora, basta che perfezioni l'accento britannico

Grant Gustin




effy.

4 commenti:

  1. Ho finito proprio oggi di leggere Chi e Mara Dyer...inutile dire che ho adorato Noah!!*-*
    E adoro anche questa rubrica!!!xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noi stiamo aspettando con impazienza il secondo volume *-*
      Io amo alla follia questa mia rubrica xD

      Elimina
    2. Hahaha!!xD Fai bene....è fantastica!!xD
      E speriamo che maggio arrivi in fretta!!!xD

      Elimina
  2. Adoro Noah, è terribilmente fantastico. Anche io come voi non vedo l'ora di leggere il seguito! *^*

    RispondiElimina

Ciao! Se ti va di lasciare un commento, mi farebbe molto piacere :)