lunedì 3 febbraio 2014

Recensione: Onyx (Lux series #2)

Titolo: Onyx
Autrice: Jennifer L. Armentrout
Saga: Lux series #2
Casa Editrice: Giunti Y
Pagine: 368
Prezzo: €12.00
Data di uscita: 29 gennaio 2014

Daemon Black ultimamente è cambiato: dolce, passionale, protettivo e addirittura geloso, sembra davvero prendere sul serio la relazione con Katy, che adesso è qualcosa di più di una bizzarra connessione aliena. E Katy? Ancora combattuta, non può più negare di esserne perdutamente innamorata. Però non è facile godersi una storia d’amore quando il pericolo è in agguato: una minacciosa presenza che viene da un altro mondo e nasconde segreti impensabili. Katy è sconvolta per aver appreso cose che non poteva lontanamente immaginare e l’improvvisa apparizione di qualcuno creduto morto non rende certo la situazione più semplice. Determinati a scoprire la verità sulla scomparsa di Dawson e della sua ragazza, Katy e Daemon si trovano ad affrontare una lotta di dimensioni cosmiche. Nessuno è ciò che sembra e i segreti nascosti per così tanto tempo reclameranno le loro vittime. A volte esistono nemici più forti dell’amore...
Nel secondo, avvincente episodio della serie “Lux”, suspense, intrighi e passione sono... alle stelle!


RECENSIONE (non leggere se non avete letto Obsidian, rischio spoiler!)

"Non vorrai farmi dormire sul divano."
Ormai non sapevo più cosa stavo facendo.
Attraversando la stanza mi si piazzò davanti. "Non mordo mica."
"Meno male."
"Ma se vuoi.." aggiunse con un sorriso malizioso.
"Smettila" borbottai facendo un passo indietro.

Cito me stessa dalla recensione di Obsidian: "Ora, io devo fare un appello alla Giunti Y: pubblicate il seguito il prima possibile o ci sarà una schiera di lettrici arrabbiate e con il batticuore in giro per le strade."
Evidentemente il mio appello ha avuto ascolto (o forse è stato un caso, sì decisamente quest'ultimo): meno di sei mesi. Giunti, we love you. E non dimentichiamoci che fra Obsidian e Onyx, è stato pubblicato anche Shadows, il prequel della saga (anche se non mi ha completamente convinto). Faccio l'appello ora, così evito di farlo di nuovo alla fine di questa recensione (sì, voglio evitare di essere ripetitiva): Giunti, noi abbiamo bisogno di Opal, adesso! Fortunatamente la casa editrice ha comunicato che entro la fine del 2014 vedremo Opal in Italia. Oh, yeah!

Okay, veniamo al discorso serio. 
Avevamo lasciato Katy e Daemon a guardarsi negli occhi senza che si toccassero, nonostante saltare addosso all'altro fosse la prima cosa che entrambi volevano, ma Katy aveva detto esattamente cosa non voleva, e Daemon era la prima cosa della lista. 
Dopo ciò che era successo con gli Arum, Katy brillava come un albero di Natale e i due avevano mantenuto segreto il fatto che lei fosse tecnicamente in punto di morte e che Daemon l'aveva salvata. 
Il fatto che lui debba starle attaccato al fondoschiena per proteggerla non aiuta affatto, così come in Obsidian, solo che non sono più semplici sconosciuti. Katy è chiaramente innamorata di Daemon e anche Daemon prova dei sentimenti per lei e sta tentando di dimostrarlo. Ma lei non riesce a fidarsi di lui, l'ha trattata malissimo in passato e non ha intenzione di cascare nel suo trucco di nuovo. 
Ma il fatto che lei inizi a fare cose che non era mai stata in grado di fare la spaventa da morire e l'unico a cui può dirlo è Daemon. Però qualcun altro sa, qualcun altro che sembra avere un interesse per lei, che non fa riferimento solo a ciò che lei è in grado di fare, un interesse che potrebbe far uscire di testa Daemon. 
Come se non bastasse Katy vede qualcuno che dovrebbe essere morto e vedere i fantasmi non è fra le sue nuove doti, ma questa apparizione potrebbe cambiare ogni cosa.

La Armentrout è un genio del male, non ci sono dubbi. Avevo adorato Obsidian, ma dopo Shadows ero entrata in crisi esistenziale,perchè non mi era piaciuto più di tanto, sembrava che l'autrice avesse avuto un crollo letterario e non volevo che il resto della saga fosse così. 
Fortunatamente la Armentrout sembra essersi ripresa e ha continuato ad andare verso l'alto con questo romanzo. 
La storia romantica (o non romantica, dipende dai punti di vista) fra Daemon e Katy procede non senza intoppi, ma è questo quello che ci piace, diciamocelo. Se tutto fosse facile getteremmo il libro dalla finestra, per quanto Daemon sia irresistibile. Abbiamo una crescita di Daemon, una crescita interiore o forse un'apertura del suo lato più sensibile per Katy, non sono riuscita a capire molto bene, però questo Daemon ci piace, eccome. Ma la sua crescita non implica che il suo lato sbruffone e divertente sia sparito, affatto.

«Scommetto che entro la fine dell'anno confesserai di essere follemente, totalmente, irrimediabilmente...».
«Ti piacciono gli avverbi?» Avevo le guance in fiamme.
«Irrevocabilmente?»
«Almeno sai cos'è un avverbio, non immaginavo» borbottai sbuffando.
«Smettila di distrarmi, Kitty. Entro la fine dell'anno, confesserai di essere follemente, totalmente, irrimediabilmente, irrevocabilmente innamorata di me». Soffocai una risata, sconvolta. 
«E che mi sogni, anche.» Mi lasciò il braccio e si mise a braccia conserte. «Scommetto che confesserai anche questo. Forse mi mostrerai persino il quaderno in cui hai scritto il mio nome circondato da cuoricini...». 
«Oh, ma per favore...» 
Daemon mi fece l'occhiolino. «Ti sfido»

Anche Katy è fantastica e con Daemon forma una coppia spettacolare, che si dà battaglia per ogni cosa, anche la più stupida. Katy però è stata ferita da Daemon e non riesce più a fidarsi, nonostante lui faccia di tutto perchè lei si fidi di lui. Io, sinceramente non avrei resistito, ma Katy evidentemente ha la testa dura. 
Dee è più irrilevante che in Obsidian, già. Da un lato speravo che anche lei migliorasse, visto che non mi era piaciuta, però dall'altro lato sono soddisfatta di questa cosa, perchè almeno non ha influenzato molto la lettura e il mio giudizio sul libro. E per quel poco che c'è stata ha contraddetto sè stessa fin dalla prima pagina. No, non ce la posso fare, non mi piace. E dire che Dee piace a tutti (almeno nel libro).
Si aggiungono nuovi personaggi, e i più importanti sono Will e Blake: il primo è il nuovo fidanzato della madre di Katy e il secondo è il nuovo compagno di classe di Katy, che sembra avere un debole per lei. Will mi è sembrato strano fin dall'inizio, non so perchè, ma qualcosa non andava. Blake, invece, mi sembrava messo al posto giusto al momento giusto, anche se so che qualcuno dirà: "un triangolo amoroso, scontato!". Seriamente, senza triangoli amorosi di cosa leggeremmo? Di aria fritta probabilmente. Certo, anche io spesso mi lamento dei triangoli amorosi, ma se sono ben costruiti non ci vedo niente di male, e questo è uno di questi.
Abbiamo il ritorno di personaggi che credevamo non avremmo mai più rivisto e questo porterà sconvolgimento fra i nostri protagonisti, uno sfarfallio di emozioni contrastanti e difficili da affrontare, soprattutto quando si scopre che ciò in cui si è sempre creduto fosse la verità in realtà è sempre e solo stata una bugia. 
L'amore però non è l'unico protagonista di questo libro, abbiamo la parte paranormal: Daemon è pur sempre un alieno, un bell'alieno, niente da dire, ma pur sempre un alieno proveniente da un altro pianeta, con poteri straordinari. Poteri che hanno avuto ripercussioni anche su altre persone. L'aspetto paranormale della storia fa sì che il lettore non si annoi e che non sia concentrato il 100% del tempo sul fatto che Daemon e Katy non stanno insieme (per Giove). 
La Armentrout sa sempre (o quasi, visto Shadows) quello che fa e lo fa molto bene. Onyx è decisamente un punto a suo favore e ora spero che non rovini tutto andando avanti. Dopo il finale di Onyx non può farlo o rischia il linciaggio da parte dei fan. 
L'autrice sa far ridere, piangere, ridere, emozionare, ridere e ridere e.. cavolo, ridere l'ho già detto!
Per quanto il finale mi sia piaciuto, c'è qualcosa che... non saprei come dire, non mi ha fatto desiderare Opal profondamente. Poi ora che sono passati un paio di giorni, ho rimesso il sale in zucca e attendo il terzo capitolo della saga con trepidazione. La fine di Onyx potrebbe essere quasi considerata la fine della saga, volendo. 
Fondamentalmente il libro mi è piaciuto (credo che il fatto che io abbia impiegato un'ora e quaranta a scrivere la recensione e che è tipo infinita dimostra la cosa). 
Voto: 


4 commenti:

  1. Okay non dovevo leggerla se non avevo prima letto Obsidian... perdono! Ma così mi hai invogliata ancora di più e ora alla wishlist si aggiungono altri libri! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io te l'avevo detto anche mercoledì, ma tu non mi ascolti mai! Adesso anche tu diventerai fan di questa serie, ma sappi che Daemon è mio!

      Elimina
    2. Cercherò di non invaghirmi del tuo amato ma non prometto nulla!

      Elimina
    3. So già che lo amerai però, cavolo!

      Elimina

Ciao! Se ti va di lasciare un commento, mi farebbe molto piacere :)