giovedì 15 marzo 2018

Uno di noi sta mentendo. Parte #1.

Titolo: Uno di noi sta mentendo
Autrice: Karen M. McManus
Data di uscita: 06/03/2018
Cartaceo: € 15.00
Pagine: 298
Casa editrice: Mondadori

Cinque ragazzi -Addy, Bronwyn, Cooper, Nate e Simon - sono costretti a trascorrere un’interminabile ora di punizione nella stessa aula. Si conoscono tutti, ma non possono definirsi amici. Sopratutto non lo sono di Simon, l'emarginato della scuola che per prendersi la sua rivincita su chi lo ha sempre trattato male, si è inventato l'app Senti Questa con la quale rivela ogni settimana dettagli piccanti della vita privata degli studenti. Chi di loro può dirsi totalmente privo di segreti e al riparo dalla smania indagatrice di Simon? Nessuno dei cinque ragazzi è davvero e fino in fondo come appare. Ognuno indossa una maschera davanti agli altri, perché tutti cercano di nascondere le proprie paure e insicurezze e anche piccoli e grandi segreti di cui nessuno è a conoscenza... o quasi! 
All’improvviso Simon - proprio lui - cade a terra davanti ai compagni e muore. Non appena si capisce che quella che sembrava una morte dovuta a un improvviso malore in realtà è un omicidio, il mondo di Bronwyn, Nate, Cooper e Addy inizia a vacillare. E crolla definitivamente quando la polizia scopre che i protagonisti di un ultimo post mai pubblicato di Simon sono proprio loro. In men che non si dica, i quattro ragazzi da semplici testimoni diventano i principali indagati dell’omicidio...


Se la scorsa settimana eravamo arrivati fino a pagina 90 con la lettura, questa volta abbiamo raggiunto pagina 137. Se a pagina 90 erano tutti sospettati, ora non sospetto più di nessuno.
Bronwyn si sta dando troppo da fare per essere lei stessa l'assassina. Cerca di trovare il bandolo della matassa e oltre che salvare la sua di pelle, cerca anche di salvarla agli altri tre, cercando un ulteriore sospettato. 

Nate è troppo affascinante e troppo sospettabile per essere effettivamente il colpevole. Anche se la piega degli eventi che lo sta facendo avvicinare molto ad una delle sospettate lo rende per l'appunto sospetto. Ma la domanda è: si può fingere così tanto? Si può far finta di essere così interessato a qualcuno? Non credo.

Addy, la principessina. A questo punto mi viene da dire una frase scontata: "Come sono caduti in basso i potenti". Pur di non essere sospettabile, può essersi così tanto danneggiata? Se fosse davvero l'assassina, ne sarebbe valsa la pena di rovinarsi la "vita" così tanto pur di essere eliminata dalla lista dei sospetti? Non credo proprio. 

Cooper, il buon vecchio Cooper. Il ragazzo perfetto, l'amico perfetto. Eppure, secondo me, non è stato nemmeno lui ad uccidere Simon. Quel post modificato su di lui, come a voler nascondere il suo segreto... Proprio quello che avrebbe fatto l'assassino. Nascondere il vero segreto con uno finto, talmente falso che non è stato poi così difficile capire che non era reale. Un assassino l'avrebbe fatto, uno stupido però. E l'assassinio di Simon è stato tutto fuorché stupido. No, non può essere stato lui. 

A questo punto però i sospetti sono finiti. Se non è stato il Quartetto dell'Omicidio, chi può essere stato? Chi aveva l'opportunità di uccidere Simon? Chi era presente nella stanza? Il professor Avery? Forse, ma non è sorto alcun indizio su di lui, non c'è movente. 
Simon, la vittima. Era l'unica altra persona presente nella stanza. E il suo modo di organizzare e progettare la sua App fa di lui una persona meticolosa e "sadica". Chi metterebbe in piazza i segreti di tutti senza mantenere l'anonimato? Nessuno. Chi si farebbe odiare da tutta la scuola volontariamente? Le opzioni sono due: qualcuno a cui non importa del giudizio degli altri o qualcuno che non ha niente da perdere. E a Simon, a quanto pare, interessa il giudizio altrui. A questo punto mi viene da dire che Simon non ha niente da perdere e allora, se fosse stato lui ad architettare tutto? Che motivo potrebbe aver avuto per incriminare gli altri quattro? Non lo so, ma secondo me è lui il colpevole. Si tratta di suicidio per me, un suicidio sadico. 
Eppure sono stati pubblicati dei post dopo la sua morte. Qualcuno lo sta aiutando dopo la sua morte? Non lo so, ma secondo me si tratta di suicidio. 

Avrò ragione oppure sto sbagliando tutto? Lo scopriremo fra una settimana. 
E voi? Chi è l'assassino o gli assassini?
Charlie.

2 commenti:

  1. Anche secondo me è stato Simon! E i post sono pubblicati da Janae?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Probabile.. anche se anche la sorella di Brownyn sembra cavarsela bene con i computer, anche troppo a volte...

      Elimina

Ciao! Se ti va di lasciare un commento, mi farebbe molto piacere :)